Accesskeys

Comunicato stampa

Nel 2020 aumentano i costi delle settimane bianche

Basilea, 12 dicembre 2019

A inizio anno abbiamo analizzato i prezzi della stagione invernale 2019. Ora passiamo alla seconda fase. Osservando i prezzi della stagione invernale 2020, abbiamo constatato che il prossimo anno le settimane bianche subiranno un aumento del 6%, dovuto principalmente all'incremento dei prezzi degli alloggi e delle scuole di sci. Per le ricerche la Banca Cler si avvale del supporto di BAK Economics.

Prezzi in aumento nonostante la concorrenza

Vacanze al mare a Dubai? City trip a New York o settimana bianca in Svizzera? Basta fare due calcoli per accorgersi che i prezzi di queste vacanze non sono poi tanto differenti l'uno dall'altro. Anzi, al contrario. La vacanza all'estero, a volte, può risultare meno cara rispetto a una settimana bianca in Svizzera. Anche l'Austria, classica destinazione sciistica, propone offerte allettanti a prezzi più bassi rispetto alla Svizzera. Nell'ambito del turismo invernale, la Svizzera subisce quindi una pressione sempre maggiore. O almeno è quello che si potrebbe pensare. Per questo è tanto più sorprendente il risultato che emerge dal nostro confronto, secondo cui in Svizzera, nel 2020, i prezzi delle settimane bianche aumenteranno di un ulteriore 6%. Tuttavia abbiamo riscontrato delle tendenze che, se si pianificano le vacanze per tempo, hanno il loro peso. Come ad esempio i prezzi dinamici degli skipass.

Cosa abbiamo confrontato

Abbiamo calcolato quanto costa una settimana bianca nel periodo dal 22 al 29 febbraio 2020 in varie località sciistiche svizzere prenotando adesso. Il confronto è stato effettuato per una famiglia composta da due adulti e due bambini (7 e 10 anni) che prende in affitto un appartamento di vacanza, una coppia di coniugi che alloggia in un albergo a quattro stelle e un gruppo di tre studenti, anche loro in un appartamento di vacanza.

Sono state scelte 14 regioni sciistiche: St. Moritz, Davos-Klosters, Flims-Laax-Falera e Arosa-Lenzerheide nel Sud-est della Svizzera, Andermatt-Sedrun ed Engelberg-Titlis nella Svizzera centrale, Gstaad, regione Jungfrau e Adelboden-Lenk nell'Oberland bernese, Zermatt, Aletsch Arena, Verbier e Saas-Fee nel Vallese e Airolo in Ticino.

Come abbiamo fatto il confronto

Nell'analisi abbiamo confrontato i costi per una settimana bianca tra le varie località sciistiche. Abbiamo tenuto conto dei seguenti costi: skipass per 8 giorni, 7 notti in un appartamento di vacanza o, per la coppia di coniugi, in albergo, noleggio degli sci (scarponi e sci) nonché tassa di soggiorno. Nel caso della famiglia, abbiamo calcolato anche la scuola di sci per i bambini (corso della durata di cinque mezze giornate). Non sono invece stati presi in considerazione i costi variabili come vitto, divertimenti e viaggio.

Prezzi dinamici degli skipass, un trend sempre più in voga

Già a inizio anno abbiamo constatato che i prezzi dinamici degli skipass erano diventati un trend. Ciò che ormai da tempo fa parte della normalità in riferimento alla prenotazione di voli sta diventando prassi comune anche per le località sciistiche: gli skipass costano di meno se vengono acquistati in anticipo. Il motivo? In questo modo le località sciistiche possono pianificare le loro entrate con maggiore sicurezza. Nonostante i prezzi dinamici, nel nostro confronto 2019/2020 il livello dei prezzi degli skipass è aumentato del 5%.

Skipass: ad Airolo, Gstaad e Verbier i meno cari

Per quanto riguarda i prezzi dello skipass, Airolo si piazza al primo posto tra le mete più economiche. Qui si spendono solo 268 CHF per 8 giorni, tuttavia gli sciatori devono accontentarsi di 30 km di pista. Al secondo rispettivamente terzo posto troviamo Verbier e Gstaad con 325 CHF e 392 CHF per adulto. Le regioni più care sono Saas-Fee e Zermatt con rispettivamente 487 CHF e 492 CHF. La differenza di prezzo tra lo skipass più economico e quello più caro supera quindi l'80%. Nelle località sciistiche a metà classifica (regione Jungfrau, Aletsch Arena, Engelberg-Titlis) i prezzi si situano attorno ai 350 CHF. Dal confronto emerge chiaramente un aspetto: nella maggior parte delle località sciistiche di fama mondiale si paga un surplus per il nome.

Rispetto all'anno precedente gli alloggi sono diventati più cari

Nel nostro confronto le località sciistiche sono diventate più care rispetto all'anno precedente (+6,8%). Ciò è dovuto probabilmente all'aumento della domanda di pernottamenti in inverno in Svizzera. Il trend del 2017 (+3%) e del 2018 (+4%) dovrebbe continuare. Per quanto riguarda gli alloggi, Zermatt e Verbier si mantengono al livello di inizio 2019, mentre Adelboden-Lenk è diventata nettamente più costosa, forse perché per la settimana in questione la domanda nel 2020 è più alta rispetto allo stesso periodo nel 2019. Gli offerenti privati del servizio Airbnb, a tale proposito, possono alterare i prezzi.

Differenze più significative in riferimento ai prezzi e alle prestazioni offerte dalle scuole di sci

Le offerte delle scuole di sci sono molto variegate (2 ore al giorno, 4 ore al giorno, con o senza assistenza bambini durante la pausa pranzo, ecc.), per cui è difficile fare un confronto. Rispetto all'anno precedente, tuttavia, emerge un dato significativo: i prezzi per le scuole di sci sono aumentati complessivamente del 14,3%. Salta all'occhio il fatto che la stessa offerta in tutte le regioni costa di più rispetto a inizio 2019. A dominare la classifica in termini di aumento di prezzi sono Adelboden-Lenk con +25,4% (2019: 378 CHF, 2020: 474 CHF) e Zermatt con +23,8% (2019: 800 CHF, 2020: 990 CHF).

Oscillazioni in riferimento al noleggio di sci

Anche chi non possiede degli sci ed è tenuto a noleggiarli paga in media un prezzo più alto. Rispetto a inizio anno i prezzi sono aumentati del 3,7%, tuttavia vi sono delle differenze a seconda della destinazione. A Verbier i costi sono diminuiti del 12,7%, mentre ad Aletsch-Arena si registra un aumento del 19,9%. Il nostro consiglio: per risparmiare conviene noleggiare gli sci da un offerente locale vicino al proprio domicilio.

Una buona pianificazione a 360° è una strategia vincente

Valutare unicamente i prezzi dello skipass ha senso se si intende passare una sola giornata sulla neve, ma non se si ha in programma una settimana bianca. Per questo motivo abbiamo analizzato i prezzi complessivi per un'intera settimana, che presentiamo qui di seguito. In linea di massima sarà interessante osservare l'andamento dei prezzi dinamici degli skipass sul mercato nell'arco dei prossimi anni. Chi continuerà a seguire questo trend e in quale misura, e chi invece cambierà strategia? Una cosa è certa: prenotando per tempo alloggio e skipass si risparmia. E grazie ai prezzi dinamici, questa leva si rafforza.

Questi sono i prezzi complessivi

Famiglie: l'alloggio offre il maggior potenziale di risparmio

La differenza di prezzo per una settimana bianca è di circa 2 000 CHF. Per le famiglie le località sciistiche più economiche sono Aletsch-Arena e Airolo, con rispettivamente 3 207 CHF e 3 598 CHF. Nel caso di Aletsch-Arena, ciò è dovuto al fatto che nei villaggi limitrofi come Mörel o Fiesch i prezzi per gli appartamenti di vacanza sono tendenzialmente più bassi. Chi pernotta in uno di questi villaggi può prendere la grande funivia per arrivare alla località sciistica, risparmiando un bel po' di denaro. Gli alloggi più costosi si trovano a Zermatt e Verbier, con rispettivamente 5 258 CHF e 5 379 CHF.

Coppia di coniugi: differenze enormi nei prezzi per l'albergo

Per le coppie di coniugi le differenze di prezzo, pari a 2 660 CHF, sono ancora più grandi se confrontate con quelle delle famiglie. Verbier è la più cara con 5 203 CHF, mentre Airolo è la più economica con 2 541 CHF, seguita da Engelberg-Titlis con 3 162 CHF. A far aumentare i prezzi è l'albergo. Ad Airolo una settimana bianca costa 1 205 CHF, considerato che qui si trovano solo hotel a tre stelle. La località più economica dopo Airolo è Engelberg-Titlis, dove un albergo a quattro stelle per sette giorni costa 1 905 CHF. A Verbier si paga più del doppio rispetto a Engelberg, ovvero 3 991 CHF.

Gruppo di studenti: i prezzi più alti sono nei Grigioni

Se si desidera trascorre una vacanza con due amici dell'università, il prezzo migliore per una settimana bianca lo offre sempre Airolo con 978 CHF. Seguono a ruota Aletsch-Arena con 1 024 CHF, Engelberg-Titlis con 1 090 CHF, Andermatt-Sedrun con 1 108 CHF e Adelboden-Lenk con 1 122 CHF. Nei Grigioni i costi si aggirano attorno a 1 335 CHF e 1 444 CHF. I prezzi più alti per gli studenti li troviamo a Gstaad con 1 531 CHF.

 

Per ulteriori informazioni:

Natalie Waltmann

Responsabile Comunicazione

Banca Cler SA, CEO Office

Telefono: +41 (0)61 286 26 03

E-mail: natalie.waltmann@cler.ch