Accesskeys

Comunicato stampa

La pandemia di coronavirus e l’aumento del rischio di inflazione mettono alla prova la distribuzione del reddito

30.01.2022

Lo Swiss Income Monitor della Banca Cler mostra lo sviluppo dei salari e dei redditi in Svizzera nonché la loro distribuzione. La Banca Cler risponde a domande come: i redditi sono aumentati tra il 2007 e il 2018? Esistono delle differenze regionali? Quanti milionari ci sono in Svizzera? 

Inoltre, a influenzare l’attuale distribuzione del reddito in Svizzera concorrono attualmente due temi:

  1. la pandemia di coronavirus che nel 2021 abbiamo analizzato nel rapporto La distribuzione del reddito in Svizzera ai tempi del coronavirus e
  2. l’attuale aumento dell’inflazione, su cui si focalizza il rapporto di quest’anno L’influenza dell’inflazione sulla distribuzione del reddito.

Sintesi dei principali risultati dello Swiss Income Monitor della Banca Cler per il periodo 2007–2018:

  • Nel 2018 il reddito mediano delle economie domestiche svizzere ammonta a circa 53 000 CHF ed è aumentato di 3 900 CHF rispetto al 2007 (+7,9% in totale, +0,8% all’anno). (Il reddito mediano viene calcolato in base al reddito netto percepito, incluse le deduzioni come il pilastro 3a, ma esclusa la deduzione fiscale. Si parla di reddito «mediano» poiché rappresenta il valore centrale al di sotto del quale si colloca il 50% dei redditi e al di sopra del quale si colloca l’altro 50%). 
  • Sebbene il periodo di osservazione sia stato caratterizzato da grandi scogli economici, come la crisi finanziaria, la crisi dell’euro e l’abolizione del cambio minimo, nel corso del tempo la distribuzione del reddito in Svizzera è rimasta molto stabile. 
  • I cantoni con la distribuzione più equilibrata dei redditi sono Uri, Argovia e Glarona. A Zugo, Svitto e Ginevra, invece, si osserva una distribuzione molto disomogenea. 
  • Nel 2018 il cantone di Zugo (112 900 CHF) ha registrato il reddito medio più elevato (somma dei redditi di tutte le economie domestiche divisa per il numero delle economie domestiche), mentre in fondo alla classifica si trovano i cantoni del Giura (54 100 CHF) e del Vallese (51 300 CHF).
  • La metà di tutte le economie domestiche nel cantone di Zugo ha un reddito di oltre 67 800 CHF, il valore più alto tra tutti i cantoni. 
  • Tra il 2007 e il 2018, il numero dei milionari (patrimonio) ha fatto segnare un notevole aumento del 53%, superando le 330 000 unità (6,2% di tutte le economie domestiche svizzere). La quota più alta di questi milionari in rapporto alla popolazione si registra nel cantone di Zugo (13,4%), seguito da Svitto (13%), Nidvaldo (10,6%) e Zurigo (9%).

Insieme all’istituto svizzero di ricerca economica BAK Economics, la Banca Cler ha analizzato la distribuzione del reddito in Svizzera e nei vari cantoni per gli anni dal 2007 al 2018. La base dei dati – ottenuta dall’Amministrazione federale delle contribuzioni (AFC) – è costituita dal reddito netto per economia domestica svizzera a livello cantonale per gli anni dal 2007 al 2018. Nel caso delle economie domestiche con due redditi viene considerata la somma dei soldi guadagnati. Le informazioni relative al 2018 rappresentano i dati più aggiornati di cui si dispone. I risultati vengono documentati e illustrati ogni anno nello Swiss Income Monitor della Banca Cler.

Per Mats Bachmann, responsabile del CEO Office della Banca Cler, i risultati vanno osservati da due prospettive: «In Svizzera, il reddito è aumentato significativamente tra il 2007 e il 2018. Ciò vale sia per il reddito medio (9,7%) che per quello mediano (7,9%). Questo è un dato tendenzialmente positivo. Tuttavia, a livello cantonale riscontriamo evidenti differenze in termini di livelli di reddito e di equità nella distribuzione. Il reddito mediano nel cantone di Zugo ammonta a 67 800 CHF, mentre nel Vallese si attesta solo a 42 000 CHF.»  

Il reddito mediano delle economie domestiche svizzere è aumentato del 7,9%
In Svizzera, il reddito è aumentato notevolmente tra il 2007 e il 2018. Ciò vale sia per il reddito medio (somma dei redditi di tutte le economie domestiche divisa per il numero delle economie domestiche) che per quello mediano (mediana dei redditi, ossia valore centrale al di sotto del quale si colloca il 50% dei redditi e al di sopra del quale si colloca l’altro 50%). Il reddito mediano è un parametro più adeguato rispetto al reddito medio, perché è meno distorto dalla presenza di singoli individui che guadagnano molto. Il reddito mediano ha potuto beneficiare dello sviluppo economico in Svizzera e nel 2018 si attesta a circa 53 000 CHF. Nel periodo in rassegna ha subìto un aumento pari a 3 900 CHF rispetto al 2007 (+7,9% in totale, +0,8% all’anno). 

Il reddito mediano più elevato – che ammonta a 67 800 CHF (+12,6%) – è stato riscontrato a Zugo, cantone favorevole dal punto di vista fiscale. A seguire si trovano i cantoni di Basilea Campagna (59 500 CHF, +4,6%) e Zurigo (59 000 CHF, +10,5%), mentre il Ticino (44 500 CHF, +0%) e il Vallese (42 000 CHF, +9,1%) hanno i redditi mediani più bassi.

Redditi delle economie domestiche in CHF, tasso di crescita in %
Fonte: AFC, BAK Economics



Zugo, cantone favorevole dal punto di vista fiscale, vanta i redditi più alti – Vallese e Ticino in fondo alla classifica
Complessivamente, la distribuzione del reddito in Svizzera è piuttosto equilibrata rispetto ad altre nazioni, sebbene i paesi scandinavi ed entrambi i nostri vicini germanofoni presentino differenze di reddito ancora inferiori. 

Nel periodo dal 2007 al 2018 la distribuzione del reddito in Svizzera è rimasta stabile, malgrado le numerose crisi economiche da superare (crisi finanziaria, crisi dell’euro e abolizione del cambio minimo). A livello cantonale si riscontrano tuttavia notevoli differenze:

  • Il reddito mediano del 10% più ricco delle economie domestiche varia da 105 500 CHF o più nel Vallese a 196 700 CHF o più nel cantone di Zugo (dato nazionale: 129 800 CHF). In tutta la Svizzera tale valore si situava quindi al di sopra dei 100 000 CHF. 
  • La metà di tutte le economie domestiche nel cantone di Zugo ha un reddito di oltre 67 800 CHF, il valore più alto tra tutti i cantoni. 
  • Zugo è seguito dai cantoni di Basilea Campagna (59 500 CHF), Zurigo (59 000 CHF), Argovia (58 300 CHF), Svitto (58 200 CHF) e Nidvaldo (58 000 CHF).
  • Nel Vallese la metà di tutte le economie domestiche guadagna invece meno di 42 000 CHF, in Ticino meno di 44 500 CHF e nel Giura meno di 45 600 CHF.

Le conseguenze di inflazione e pandemia sull’attuale distribuzione del reddito
Da oltre un decennio sia la Svizzera che molti altri paesi industrializzati non devono più fare i conti con forti rialzi dei prezzi. Nel 2021, però, abbiamo assistito a una ripresa dell’inflazione, con tutti gli interrogativi che ne derivano riguardo alle potenziali conseguenze. Per Martin Eichler, capo economista di BAK Economics, non è da escludere che gli attuali sviluppi influenzeranno la distribuzione del reddito: «Il sorprendente ritorno di questa vecchia conoscenza – l’inflazione – è suscettibile di accentuare la disparità reddituale in Svizzera. Tuttavia, alcuni elementi inducono a ritenere che l’attuale fiammata inflazionistica sia un fenomeno temporaneo, che andrà scomparendo nel corso del primo semestre 2022. Lo sviluppo della distribuzione del reddito in Svizzera dovrebbe invece continuare a risentire soprattutto del perdurare della pandemia di coronavirus e delle sue conseguenze.»

  • Ulteriori informazioni e illustrazioni sono disponibili qui.
  • Per approfondire la questione relativa ai possibili effetti dell’inflazione sui redditi delle economiche domestiche svizzere, leggete il saggio.
  • Scoprite dove si situa il vostro reddito nel confronto svizzero: www.cler.ch/it/info/swiss-income-monitor/income-check