Accesskeys

Comunicato stampa

La Banca Cler incrementa il risultato d’esercizio e l'utile semestrale

Basilea, 19 luglio 2018

Nel corso del primo semestre 2018 la Banca Cler ha incrementato in maniera notevole il suo risultato d’esercizio e l'utile semestrale, rispettivamente a 31,1 mio. di CHF (+34,2%) e a 19,8 mio. di CHF (+5,0%). I proventi d'esercizio sono progrediti a 123,5 mio. di CHF (+0,2%) grazie all'aumento del risultato da operazioni su interessi in esito ai costi di rifinanziamento nuovamente più bassi e ottimizzati. Soprattutto con il venir meno dei costi generati dal cambio di nome e dal riposizionamento della Banca Cler, rispetto all’anno precedente i costi d’esercizio hanno registrato un marcato calo (-9,0%), attentandosi a 86,6 mio. di CHF. Al 30.6.2018 la somma di bilancio della Banca Cler è salita dell'1,2% a 17,7 mia. di CHF (31.12.2017: 17,5 mia. di CHF). Il lancio di successo dell'app Zak, la prima banca svizzera per smartphone, e l'attuazione del nuovo concetto di succursale in altre quattro città riflettono la coerenza della Banca Cler nel completare il suo riposizionamento.

Prestiti alla clientela per la prima volta oltre la soglia dei 15 miliardi di franchi

Per quanto riguarda la sua attività core, la Banca Cler ha replicato i buoni risultati dell’anno precedente, con un aumento del volume ipotecario pari a 328,7 mio. di CHF (+2,2%). Al contempo tiene fede alle proprie severe direttive in materia di concessione di crediti. Anche nelle operazioni con le PMI la Banca Cler ha riscosso successo, incrementando di 15,1 mio. di CHF (+5,3%) i suoi crediti nei confronti della clientela. I prestiti alla clientela si sono attestati al 30.6.2018 a 15,3 mia. di CHF (+2,3%), di cui 15,0 mia. di CHF risultanti da crediti ipotecari e 0,3 mia. di CHF da crediti nei confronti della clientela.

Depositi della clientela in crescita

Nella prima metà dell'anno gli impegni risultanti da depositi della clientela sono aumentati di 50,9 mio. di CHF, salendo a 12,0 mia. di CHF, di cui 20,8 mio. di CHF sono ascrivibili agli impegni verso clienti a titolo di risparmio e d’investimento. È evidente che i clienti privati – per il perdurare della fase di tassi bassi – tendono a depositare meno soldi sui conti di risparmio che non sui conti privati, in modo da poter disporre con maggiore immediatezza del proprio capitale qualora si presentassero opportunità di investimento allettanti. I clienti istituzionali hanno continuato a ricercare investimenti di breve e medio periodo sotto forma di depositi a termine, aumentando le loro consistenze. In seguito a trasferimenti di liquidità, alcuni grandi clienti e PMI hanno ridotto i loro depositi a vista in corrispondenza della chiusura del semestre. Ne è conseguito un aumento degli altri impegni nei confronti della clientela di 30,1 mio. di CHF.

Incremento dello 0,2% del risultato da operazioni su interessi

In quanto principale fonte di reddito, nei primi sei mesi dell'anno il risultato netto da operazioni su interessi è progredito a 87,3 mio. di CHF (+0,1 mio. di CHF). A ciò ha contribuito l'ampliamento delle operazioni ipotecarie calibrato in termini di rischio e orientato al reddito e l’ulteriore ottimizzazione dei costi di rifinanziamento. Grazie a una gestione mirata, la Banca Cler è riuscita a rinnovare i fondi passivi in scadenza a condizioni sempre più vantaggiose. Al contempo non ha cessato di tutelare in modo coerente il proprio bilancio contro i rischi di variazione dei tassi. In un contesto di tassi che non accennano a salire, la Banca Cler ha tratto vantaggio dal fatto che i costi di copertura del rischio di tasso quale parte integrante degli oneri per interessi hanno registrato una lieve riduzione.

Proventi d'esercizio in aumento – Soluzione d'investimento nell'attuale contesto di mercato molto richiesta

Le operazioni in commissione e da prestazioni di servizio hanno registrato un calo di 0,8 mio. di CHF rispetto all'anno precedente, attestandosi a 27,9 mio. di CHF. A frenare le attività degli investitori è stato il contesto politico ed economico. Per contro, la Soluzione d'investimento ha messo a segno una soddisfacente crescita, progredendo a 535,4 mio. di CHF (fine 2017: 396,9 mio. di CHF). La possibilità di beneficiare di una gestione patrimoniale professionale già a partire da 10 000 CHF riscuote grande successo tra i clienti. Sul fronte dei proventi figura anche un risultato da attività di negoziazione leggermente inferiore (-0,2 mio. di CHF), attestatosi a 5,6 mio. di CHF. Gli altri risultati ordinari, con 2,7 mio. di CHF, evidenziano una crescita di 1,1 mio. di CHF. Complessivamente la Banca Cler ha aumentato i proventi d'esercizio a 123,5 mio. di CHF (+0,2 mio. di CHF).

«Nel primo semestre, malgrado un contesto difficile, abbiamo registrato un'ulteriore crescita e incrementato il nostro utile. A ciò ha contribuito un miglior risultato degli interessi nonché la marcata riduzione degli altri costi d’esercizio.»

Sandra Lienhart

CEO Banca Cler

Riduzione degli altri costi d’esercizio

Soprattutto con il venir meno dei costi generati dal cambio di nome e dal riposizionamento della Banca Cler, rispetto all’anno precedente i costi d’esercizio hanno registrato un marcato calo (-8,6 mio. di CHF) attentandosi a 86,6 mio. di CHF. Nel corso del primo semestre 2018 la Banca Cler ha continuato ad ampliare le offerte digitali e ad attuare il nuovo concetto di succursale. In particolare è stata costantemente perfezionata l'app bancaria per smartphone Zak. Inoltre, nella prima metà dell'anno sono state ristrutturate le succursali di Sion, Lugano, Locarno ed Aarau. Per tre di queste succursali si è scelta un’ubicazione più favorevole. La progressione degli ammortamenti pari a 1,2 mio. di CHF è imputabile all’iscrizione all’attivo dei costi legati alla ristrutturazione nei periodi contabili precedenti. Gli altri accantonamenti e rettifiche di valore, attestatisi a 0,2 mio. di CHF, si mantengono a un livello modesto (-0,4 mio. Di CHF).

Zak è stata lanciata con successo

A fine febbraio la Banca Cler ha lanciato sul mercato la banca per smartphone Zak. Al 30.6.2018 ha registrato oltre 25 000 download con un ragguardevole tasso di conversione (conversion rate). Zak viene perfezionata a un ritmo accelerato. La facilità di utilizzo rimane un fattore di primaria importanza. Tra le altre cose è stata migliorata la user experience nella procedura di onboarding. Da aprile gli utenti Zak hanno la possibilità di ampliare individualmente le funzioni dell'app attivando un plug-in. Il primo della serie consente di creare contenitori da condividere con altri utenti per gestire le spese. Si tratta di una funzione apprezzata particolarmente da persone che vivono in una comunità abitativa. In estate inoltrata seguiranno altre funzioni innovative. La collaborazione con siroop verrà mantenuta fino alla sospensione del portale di vendite online, in programma a fine anno. Le nuove offerte proposte da Zak verranno comunicate nel corso dei prossimi mesi.

Prospettive: aumento dell'utile nonostante gli ulteriori investimenti

Per il prosieguo dell’anno la Banca Cler prevede una situazione stabile, sempre alquanto complessa, e un persistere degli interessi negativi. Pertanto, anche nella seconda metà dell’anno l’istituto si troverà ad affrontare le medesime sfide sul fronte dei proventi. In seguito al venir meno di diverse spese una tantum sostenute nel 2017, per l’anno corrente si prevede un alleggerimento sul fronte dei costi. L’istituto continuerà a sfruttare le opportunità offerte dalla trasformazione digitale per sviluppare nuovi modelli di business e rafforzare ulteriormente il proprio posizionamento. In sintesi, la Banca Cler prevede un incremento degli utili rispetto all’anno precedente.

 

Per ulteriori informazioni:

Natalie Waltmann

Responsabile Comunicazione

Banca Cler SA, CEO Office

Telefono: +41 (0)61 286 26 03

E-mail: natalie.waltmann@cler.ch