Accesskeys

Swiss Income Monitor della Banca Cler (BCSIM)

«Vietato parlare di denaro». In Svizzera, questo tabù si applica soprattutto al salario e al reddito. Infatti, quasi nessuno sa dove si situa il proprio reddito personale nel con-fronto svizzero. Poco si conosce anche in merito alla distribuzione del reddito nel pae-se: esistono delle differenze cantonali? Come si manifestano? Come è cambiato il red-dito del ceto inferiore, medio e superiore negli ultimi anni?

Swiss Income Monitor Banca Cler
Abbiamo affrontato questi punti nel dettaglio e dato delle risposte a tutte queste domande, raccogliendole per voi nel BCSIM. Insieme all'istituto svizzero di ricerca economica BAK Economics abbiamo analizzato la distribuzione del reddito in Svizzera e nei vari cantoni. Va sottolineato che la nostra analisi si basa sul reddito netto dell'intera economia domestica, ciò significa che nel caso delle economie domestiche con due redditi viene considerata la somma dei soldi guadagnati. Per eventuali chiarimenti, alla fine abbiamo riportato un glossario con le definizioni dei termini tecnici più importanti.

Abbiamo considerato il periodo 2007–2018. Avremmo voluto tener conto anche del presente, visto che gli effetti della crisi del coronavirus hanno un grande impatto su economia, società e reddito! Già lo scorso anno abbiamo analizzato le conseguenze del crollo del PIL sui redditi delle economie domestiche svizzere. Una cosa è chiara: il coronavirus lascerà tracce profonde anche sui redditi e sulla loro distribuzione. Purtroppo gli effetti della pandemia non possono essere ancora presi in considerazione nell'analisi quantitativa poiché le informazioni dettagliate necessarie a tale scopo saranno disponibili solo a gennaio 2024.

Ci siamo confrontati con un altro tema scottante di grande attualità, anche suscettibile di influenzare la distribuzione del reddito: stiamo parlando dell'accresciuto rischio d'inflazione.

Maggiori dettagli qui.



Top

1 Riassunto

Sviluppo del reddito – Il reddito mediano delle economie domestiche svizzere è aumentato del 7,9%

In Svizzera, il reddito è aumentato notevolmente tra il 2007 e il 2018. Ciò vale sia per il reddito medio che per quello mediano. Questo significa che l'economia domestica media ha potuto beneficiare dello sviluppo economico. Il reddito netto mediano (mediana) delle economie domestiche svizzere ammonta a circa 53'000 CHF. Nel periodo in rassegna ha subìto un aumento pari a 3'900 CHF (+7,9% in totale, +0,8% all'anno). Il reddito netto mediano più elevato – che ammonta a 67'800 CHF (+12,6%) – è stato riscontrato a Zugo, cantone favorevole dal punto di vista fiscale. A seguire si trovano i cantoni di Basilea Campagna (59'500 CHF, +4,6%) e Zurigo (59'000 CHF, +10,5%), mentre il Ticino (44'500 CHF, +0%) e il Vallese (42'000 CHF, +9,1%) hanno i redditi netti mediani più bassi.

Distribuzione del reddito - grandi differenze nel confronto cantonale

Complessivamente, la distribuzione del reddito in Svizzera è piuttosto equilibrata rispetto ad altre nazioni, sebbene i paesi scandinavi e i nostri vicini germanofoni presentino differenze di reddito ancora inferiori. Ma nel confronto cantonale emergono differenze sostanziali. Per il 10% più ricco delle economie domestiche il reddito netto varia da 105'500 CHF o più nel Vallese a 196'700 CHF o più nel cantone di Zugo (dato nazionale: 129'800 CHF). In tutta la Svizzera tale valore si situava quindi al di sopra dei 100'000 CHF. La metà di tutte le economie domestiche nel cantone di Zugo ha un reddito di oltre 67'800 CHF, il valore più alto tra tutti i cantoni. Nel Vallese la metà di tutte le economie domestiche guadagna invece meno di 42'000 CHF, in Ticino meno di 44'500 CHF.

Lo sviluppo della distribuzione del reddito è rimasto stabile nel corso del tempo

Sebbene il periodo di osservazione sia stato caratterizzato da grandi scogli economici, come la crisi finanziaria, la crisi dell'euro e l'abolizione del cambio minimo, nel corso del tempo la distribuzione del reddito in Svizzera è rimasta molto stabile. Secondo il coefficiente di Gini, i cantoni con la distribuzione più equilibrata dei redditi sono Uri, Argovia e Glarona. Una distribuzione disomogenea del reddito è evidente, invece, a Zugo, Svitto e Ginevra. Il ceto medio rappresenta il 28,1% del reddito totale, 0,3 punti percentuali in più rispetto al 2007, mentre il ceto inferiore e quello superiore hanno registrato rispettivamente una crescita di 0,4 punti percentuali e un calo di 0,7 punti percentuali.

Dove si situa il suo reddito in un confronto a livello svizzero?

Lo scopra qui!


2 Sviluppo del reddito

In questo capitolo viene analizzato lo sviluppo del reddito delle economie domestiche nel corso del tempo. Nella pratica, il reddito di un'economia domestica comprende più dei semplici salari: esso può includere anche rendite, redditi locativi e altri redditi di capitali. Questa eterogeneità di fonti può generare molte definizioni differenti di «reddito», che sono oggetto di varie statistiche. Per effettuare un confronto è fondamentale conoscere la definizione e applicarne una univoca.

Nel BCSIM per «reddito» si intende unicamente il reddito netto della statistica fiscale. Il reddito netto è calcolato deducendo dal reddito lordo imponibile (salari, rendite, alimenti percepiti, redditi di capitali e redditi locativi) gli oneri rilevanti ai fini fiscali (come contributi straordinari alle assicurazioni sociali, assegni alimentari versati, versamenti nel 3° pilastro e interessi passivi [ad es. interessi ipotecari]) e le deduzioni generali (come ad es. le spese di malattia o le spese per istruzione e formazione). Questa definizione di reddito è particolarmente indicata per effettuare un confronto su scala nazionale, in quanto sono a disposizione dati uniformi e completi per tutti i cantoni, il che consente anche l'analisi di specifici cambiamenti nel corso del tempo (ad es. riforme fiscali). Inoltre questo concetto di reddito considera tutte le fonti reddituali e dà conto del reddito «usuale» delle economie domestiche nello scenario reale.

Aumento dei redditi in Svizzera

Quanto «guadagna» effettivamente un'economia domestica svizzera in media? Nel 2018 circa 69'200 CHF. Tra il 2007 e il 2018, il reddito netto medio è aumentato di 6'100 CHF, il che corrisponde a un incremento complessivo del 9,7%. In media ciò corrisponde a un aumento del reddito di 550 CHF. Se ci si focalizza sui singoli anni, l'impatto della crisi finanziaria ha causato solamente un indebolimento dello slancio di crescita nel 2009 e nel 2010. Infatti, il reddito medio svizzero è aumentato in tutti gli anni, ad eccezione del 2012 e del 2015; in un solo anno – dal 2017 al 2018 – ha registrato una crescita di oltre 700 CHF.

Sviluppo del reddito

Reddito netto in CHF, tasso di crescita in %
Fonte: AFC, BAK Economics

Bisogna però considerare che il reddito medio è spesso distorto da singoli individui che guadagnano molto di più rispetto alla maggioranza delle persone e influenzano quindi notevolmente il valore (si parla di distribuzione asimmetrica a sinistra). Se si vuole conoscere quale sia il reddito di un «cittadino normale», è più opportuno considerare la mediana, ossia il «reddito mediano». Osservando questo valore, si vede che nel 2018 è stato di circa 53'000 CHF. Nel periodo 2007–2018, il reddito mediano di un'economia domestica è aumentato di 3'900 CHF (+7,9%). In nessun anno del periodo osservato si è registrata una diminuzione del reddito mediano, a differenza di quanto accaduto per il reddito medio. I redditi delle «economie domestiche normali» oscillano in modo meno marcato rispetto a quelli dei percipienti «fuori norma». Quasi tutti gli anni, quindi, il reddito mediano aumenta in modo costante di una percentuale compresa tra 0,2 e 0,8 punti. Solo il 2008 e il 2016 si contraddistinguono per una crescita superiore alla media. Nel 2018 il reddito mediano ha registrato un aumento dello 0,8%, superando di circa 400 CHF quello del 2017.

In generale, è possibile affermare che in Svizzera sia il reddito medio (+0,8% all'anno) che quello mediano (+0,7% all'anno) sono aumentati in misura analoga nel periodo di osservazione.


Sviluppo del reddito mediano

Reddito mediano in 1000 CHF
Fonte: AFC, BAK Economics

Zugo, cantone favorevole dal punto di vista fiscale, vanta i redditi più alti – Obvaldo è il cantone che ha registrato il maggiore aumento

In quali cantoni gli abitanti sono ben posizionati dal punto di vista finanziario? E in quali devono accontentarsi di meno? Se si considerano i singoli cantoni, quelli favorevoli dal punto di vista fiscale come Zugo, Svitto e Nidvaldo sono in cima alla classifica dei cantoni con i redditi medi più alti. Il cantone di Zugo ha infatti registrato il reddito medio cantonale più elevato (112'900 CHF), ciò che lo ha portato a superare la media svizzera di circa 43'700 CHF. Zugo è anche l'unico cantone con un reddito medio superiore a 100'000 CHF. Seguono a ruota i cantoni di Svitto (98'400 CHF), Nidvaldo (82'600 CHF), Zurigo (79'400 CHF) e Basilea Campagna (76'000 CHF), per quanto Zurigo e Basilea Campagna non rientrino tra i cantoni più favorevoli dal punto di vista fiscale. L'onere fiscale non rappresenta quindi l'unico fattore che motiva le differenze. Gli elevati redditi in questi cantoni dipendono anche dalla struttura settoriale. Zurigo, ad esempio, vanta un settore finanziario estremamente ampio, che grazie a salari e bonus elevati fa aumentare il reddito medio. In aggiunta, nel cantone di Zurigo sono presenti molte società di consulenza e di revisione, per le quali i redditi sono superiori alla media. Nel cantone di Basilea Campagna – e in quello di Basilea Città, dove molti abitanti di Basilea Campagna producono il loro reddito – sono attive importanti aziende internazionali nel settore delle life science, i cui collaboratori percepiscono spesso un reddito molto competitivo a livello internazionale, guadagnando anche salari superiori alla media grazie all'elevata produttività del settore.

In fondo alla classifica si trovano i cantoni del Giura e del Vallese, con un reddito medio rispettivamente di 54'100 CHF e 51'300 CHF. Anche in questi cantoni il livello di reddito basso può essere tra l'altro spiegato attraverso la loro struttura settoriale. In entrambi i cantoni, i settori con salari elevati sono sottorappresentati e i settori economici con redditi piuttosto bassi sono relativamente forti. Nel Vallese, ad esempio, quasi il 10% degli occupati è impiegato nel settore alberghiero e della ristorazione, contro una media svizzera di appena il 4,5%. Anche nel Giura gran parte dell'occupazione si situa in settori a basso reddito: il 35% dell'occupazione cantonale è nel settore manifatturiero, in cui rientrano però anche l'industria farmaceutica e quella orologiera, che presentano entrambe un elevato livello di produttività e in generale un buon livello salariale. Considerando la Svizzera nel suo complesso, solo il 15% di tutti gli occupati è attivo nel settore manifatturiero.

Infine, è interessante notare come in tre cantoni il reddito medio sia aumentato di oltre il 15% tra il 2007 e il 2018 (Svizzera: +9,7%): nel cantone di Obvaldo di quasi il 22%, nel cantone di Uri del 19% e nel cantone di Basilea Città del 18%. Per contro, il reddito medio a Ginevra è leggermente diminuito (–2,7%).

Al fine di eliminare la distorsione causata dalle persone più ricche (che può avere una forte influenza sul valore medio, soprattutto nei cantoni più piccoli), anche in questo caso andiamo a considerare il reddito mediano. Di nuovo, il cantone con il reddito mediano più elevato è Zugo (67'800 CHF), cantone favorevole dal punto di vista fiscale. A seguire si trovano i cantoni di Basilea Campagna (59'500 CHF) e Zurigo (59'000 CHF), Nella parte bassa della classifica relativa ai redditi mediani cantonali si posizionano invece il Ticino (44'500 CHF) e il Vallese (42'400 CHF). Per quanto riguarda il cantone Ticino, gli stretti legami con l'area milanese sono uno dei fattori che influenzano i redditi bassi. La sua vicinanza alla zona euro fa sì che la pressione sui prezzi e quindi anche sui redditi sia molto più alta della media svizzera. Oltre il 25% dei lavoratori del cantone Ticino è inoltre costituito da frontalieri, i quali hanno pretese salariali nettamente inferiori a quelle dei lavoratori svizzeri. In sei cantoni la crescita mediana è stata a due cifre: Obvaldo +17%, Uri +15%, Lucerna e Turgovia +12% e Appenzello Interno e Svitto +11% (Svizzera: +7,9%). Il cantone di Obvaldo è stato il migliore in termini di aumento di reddito medio e mediano. Solamente nel cantone di Ginevra sia il reddito mediano che quello medio hanno subìto una flessione nel periodo preso in esame (–5,3%).

Sviluppo del reddito – conclusione

In Svizzera, il reddito è aumentato notevolmente tra il 2007 e il 2018. Ciò vale sia per il reddito medio che per quello mediano. Questo significa che l'economia domestica media ha potuto beneficiare dello sviluppo economico. Tra i cantoni svizzeri, il cantone di Zugo possiede il reddito medio e mediano più alto, mentre il Vallese si trova in fondo alla classifica. Obvaldo è il cantone che ha registrato il miglioramento maggiore sia in termini di reddito medio che di reddito mediano. Solo nel cantone di Ginevra i redditi sono invece diminuiti durante il periodo di osservazione. Questo non significa necessariamente che siano scesi in media i redditi delle singole economie domestiche. Il fenomeno può anche essere dovuto a uno spostamento delle economie domestiche dovuto a una variazione strutturale, ad es. qualora molte economie domestiche abbienti abbiano lasciato il cantone di Ginevra.

 

3 Distribuzione del reddito

Come sono distribuiti i redditi netti in Svizzera? Il seguente grafico mostra tutti i redditi delle economie domestiche svizzere in percentili, la cosiddetta parata di Pen, ossia tramite una divisione di un set di dati in cento parti a seconda delle dimensioni. La distribuzione del reddito copre l'intero spettro di reddito di una popolazione (dal più basso al più alto).

Distribuzione del reddito in Svizzera

Reddito assoluto per economia domestica svizzera 2017, in 1000 CHF
Fonte: AFC, BAK Economics

Il 10% delle economie domestiche guadagna più di 129'800 CHF, mentre il 50% guadagna meno di 53'000 CHF

Il grafico va interpretato come segue: il decimo percentile (rappresentato dalla decima colonna da sinistra) indica il livello di reddito che non viene superato dal 10% delle economie domestiche. Il cinquantesimo percentile corrisponde invece al reddito mediano.

In Svizzera il 10% più povero delle economie domestiche non supera un reddito di 5'700 CHF. Questo include fra le altre anche economie domestiche composte da studenti e apprendisti maggiorenni che sono sostenuti dai propri genitori. Il 10% più ricco delle economie domestiche percepisce invece un reddito superiore a 129'800 CHF. Come già evidenziato dal reddito mediano, una metà delle economie domestiche in Svizzera ha un reddito netto di oltre 53'000 CHF, l'altra metà un reddito inferiore a questa cifra.

In tutti i cantoni, il 10% più ricco delle economie domestiche percepisce un reddito superiore a 100'000 CHF

Come si manifesta la distribuzione del reddito nei vari cantoni? Il reddito netto del 10% più ricco delle economie domestiche varia da 105'500 CHF o più nel Vallese a 196'700 CHF o più nel cantone di Zugo (dato nazionale: 129'800 CHF). In tutta la Svizzera tale valore si situava quindi al di sopra dei 100'000 CHF. Il reddito netto più elevato – che ammonta a 67'800 CHF (+12,6%) – è stato riscontrato a Zugo, cantone favorevole dal punto di vista fiscale. A seguire si trovano i cantoni di Basilea Campagna (59'500 CHF, +4,6%) e Zurigo (59'000 CHF, +10,5%), mentre il Ticino (44'500 CHF, +0%) e il Vallese (42'000 CHF, +9,1%) hanno i redditi netti più bassi.

Redditi delle economie domestiche in CHF, tasso di crescita in %
Fonte: AFC, BAK Economics

Il 10% delle economie domestiche guadagna più di un terzo del reddito totale della Svizzera

Se nella distribuzione del reddito non si considerano i limiti di reddito, bensì le quote di partecipazione al reddito totale, il 10% più povero delle economie domestiche guadagna circa lo 0,4% del reddito totale, mentre il 50% di tutte le economie domestiche percepisce il 16% del reddito totale; il 90% delle economie domestiche si divide un valore corrispondente al 58% del reddito. Se facciamo il ragionamento inverso, ciò significa che più di un terzo (42%) del reddito totale è generato dal 10% più ricco delle economie domestiche.

Nel cantone di Uri un terzo del reddito totale è generato dal 10% più ricco delle economie domestiche, mentre a Svitto tale cifra ammonta al 60%

Dal punto di vista cantonale, le quote di partecipazione dei vari gruppi di economie domestiche al reddito totale differiscono notevolmente. Nel cantone di Uri la metà di tutte le economie domestiche è responsabile del 22% del reddito totale (valore più alto di tutti i cantoni). La quota più bassa si trova ancora una volta a Ginevra, solo il 10%.

Sempre nel cantone di Uri, il 90% delle economie domestiche contribuisce con la quota di partecipazione più alta al reddito totale (circa 69%), mentre a Svitto la quota ammonta al 40% del reddito totale (valore più basso registrato). Se facciamo il ragionamento inverso, ciò significa che nel cantone di Uri il 31% del reddito totale è stato generato dal 10% più ricco delle economie domestiche, mentre a Svitto la stessa percentuale di economie domestiche genera il 60% del reddito totale.

Panoramica della distribuzione del reddito in Svizzera

Il coefficiente di Gini è il parametro più noto per misurare la distribuzione del reddito sulla base di una singola cifra. Assume valori compresi tra 0 e 1, dove 1 significa «massima disuguaglianza»: una singola economia domestica percepisce tutto il reddito di un paese e le altre nulla. Il valore più basso è 0 e significa «totale uguaglianza»: ogni economia domestica in un paese ha esattamente lo stesso reddito. Quindi, quanto più basso è il coefficiente di Gini, tanto più uniformemente viene distribuito il reddito.
Il grafico che segue fornisce una panoramica del coefficiente di Gini per cantone.

Cartina svizzera relativa al coefficiente di Gini

Fonte: AFC, BAK Economics

Distribuzione del reddito in Svizzera nel confronto internazionale

Considerata in ottica internazionale, la distribuzione dei redditi in Svizzera è equilibrata. La Norvegia, l'Austria, la Francia e la Germania presentano un coefficiente di Gini inferiore a quello della Svizzera. In molti altri paesi la distribuzione del reddito è invece molto meno equa rispetto al nostro paese.

Per il confronto internazionale occorre assicurarsi che venga utilizzata la medesima definizione di reddito. I coefficienti di Gini della Banca Mondiale utilizzati in questa sede si basano su una definizione di reddito diversa da quella di reddito netto delle economie domestiche soggette a imposizione. Per questo motivo i valori del coefficiente di Gini per la Svizzera riportati nel paragrafo seguente si discostano dai valori sopra rappresentati. Per un'analisi dettagliata della distribuzione del reddito in Svizzera è opportuno prendere come riferimento il reddito netto, ma per il confronto internazionale occorre basarsi su un'altra definizione, a causa della forte eterogeneità dei sistemi fiscali.

Il coefficiente di Gini nel paragone internazionale

2017
Fonte: Banca Mondiale, BAK Economics

Panoramica delle cifre chiave

Fonte: AFC, BAK Economics

Distribuzione del reddito – conclusione

Alla metà delle economie domestiche in Svizzera è attribuibile solo il 16% del reddito totale, mentre il 10% più ricco genera il 42% di tale somma. Nel complesso, tuttavia, la distribuzione del reddito in Svizzera è piuttosto equilibrata rispetto ad altri paesi. Nonostante ciò, tra il 2007 e il 2018 i divari nei redditi svizzeri si sono leggermente approfonditi, soprattutto tra il 10% più povero delle economie domestiche e quello più ricco. Questo sviluppo va però valutato con cautela, poiché sul confronto può incidere un costante aumento, negli anni, del numero di studenti (soprattutto tra il 10% più povero delle economie domestiche). A livello cantonale, la metà di tutte le economie domestiche nel cantone di Uri è responsabile del 22% del reddito totale, presentando quindi una quota di partecipazione maggiore rispetto a qualsiasi altro cantone. Il 10% più ricco delle economie domestiche nel cantone di Uri contribuisce nella misura più esigua al reddito totale (31%) rispetto a quanto accade in tutti gli altri cantoni, mentre la stessa fetta di popolazione nel cantone di Svitto contribuisce al reddito totale nella misura più elevata, con il 60%.

 

Dove si situa il suo reddito in un confronto a livello svizzero?

Lo scopra qui!

4 Sviluppo della distribuzione del reddito

Come si è sviluppata negli ultimi anni la distribuzione del reddito in Svizzera e nei vari cantoni? Abbiamo affrontato questa domanda nel dettaglio.

Lo sviluppo della distribuzione del reddito in Svizzera e nei cantoni è rimasto stabile nel tempo

Sebbene il periodo di osservazione sia stato caratterizzato da grandi scogli economici, come la crisi finanziaria, la crisi dell'euro e l'abolizione del cambio minimo, nel corso del tempo la distribuzione del reddito in Svizzera è rimasta molto stabile. Infatti, nel 2018 il coefficiente di Gini relativo al reddito netto era pari allo 0,48, rimanendo quindi estremamente stabile rispetto al 2007 (0,47). In Svizzera, il coefficiente di Gini è diminuito nel 2009, nel 2012 e nel 2016, è stato stagnante nel 2008 e nel 2015 ed è aumentato negli altri anni. La crisi finanziaria ed economica mondiale del 2008 non ha quindi avuto ripercussioni di rilievo sulla distribuzione del reddito in Svizzera. Anche se la distribuzione nel suo complesso non è praticamente cambiata, nel periodo in esame ci sono comunque alcuni aspetti interessanti nello sviluppo della distribuzione del reddito.

Coefficiente di Gini e il rapporto dei quartili

Fonte: BAK Economics

I cantoni con la distribuzione più equilibrata del reddito sono Uri, Argovia, Glarona e Soletta, con coefficienti di Gini compresi tra 0,39 e 0,41 (Svizzera: 0,48). A Zugo, Svitto e Ginevra si osserva una distribuzione disomogenea del reddito. Un aspetto comune a tutti i cantoni e alla Svizzera è il fatto che, complessivamente, la distribuzione del reddito ha subìto pochissimi cambiamenti durante il periodo di osservazione. Solo in dieci cantoni il coefficiente di Gini è leggermente diminuito, indicando quindi una riduzione delle disuguaglianze.

Cartina svizzera «Variazione degli indicatori» (coefficiente di gini, mediana)

Fonte: AFC, BAK Economics

Secondo il quoziente dei quartili, la disparità di distribuzione del reddito è leggermente aumentata

Il quoziente dei quartili indica il rapporto tra il reddito del 25% più povero e quello del 25% più ricco delle economie domestiche. Anche questo parametro assume valori compresi tra 0 e 1. Tuttavia, il significato è invertito rispetto a quello del coefficiente di Gini: maggiore è il rapporto, più uniforme è la distribuzione tra i quartili (valori dei quartili). In Svizzera, il 25% più povero delle economie domestiche non superava un reddito di 26'200 CHF. Per il 25% più ricco delle economie domestiche, il limite inferiore di reddito si attestava attorno a 86'100 CHF. Ne risulta un quoziente dei quartili pari a 0,304, valore che è in calo in Svizzera dal 2007 (anno in cui si fissava a 0,322) e che indica quindi un leggero aumento della disparità di distribuzione del reddito nel periodo preso in esame.

I cantoni di Ginevra e Ticino mostrano il maggiore aumento delle disuguaglianze di distribuzione del reddito

Il reddito del 25% più povero delle economie domestiche è stato più alto nei cantoni di Zugo (36'200 CHF), Argovia (34'100 CHF) e Nidvaldo (34'000 CHF), mentre i redditi più bassi si riscontrano nei cantoni Ticino (19'100 CHF), Ginevra (16'900 CHF) e Vallese (10'300 CHF). Per quanto riguarda il 25% più ricco delle economie domestiche, il limite di reddito inferiore è più basso nel cantone del Vallese (71'500 CHF) e più alto nel cantone di Zugo (115'700 CHF). Dal punto di vista del quoziente dei quartili, il valore più alto (0,389) è stato riscontrato nel cantone di Uri, mentre quello più basso nel Vallese (0,144). Rispetto agli altri cantoni, la distribuzione del reddito più equilibrata è quindi quella del cantone di Uri e la più disomogenea quella del cantone del Vallese.
In 21 cantoni su 26, il quoziente dei quartili è diminuito dal 2007. Questo indica che quindi la disuguaglianza in termini di distribuzione del reddito tende ad aumentare nel periodo preso in esame. A livello cantonale, l'aumento della disuguaglianza di distribuzione è stato più forte a Ginevra e in Ticino, dove il quoziente dei quartili è sceso di 8 rispettivamente 5 punti percentuali. Tuttavia in alcuni cantoni la distribuzione del reddito è diventata più equilibrata. Nel Vallese (+2,5 punti percentuali), nei Grigioni (+3 punti percentuali) e nel cantone di Obvaldo (+3,1 punti percentuali) tale fenomeno è particolarmente evidente come mostra l'aumento del rispettivo quoziente dei quartili.

La soglia di reddito per il ceto medio è aumentata del 7,9% – aumento anche in quasi tutti i cantoni

Poiché alle persone piace confrontarsi tra di loro e suddividersi a vicenda in gruppi sociali, le semplici categorizzazioni riscuotono successo. Secondo una definizione comune, il ceto medio comprende coloro che percepiscono un reddito compreso tra il 70 e il 150% del reddito mediano. Le economie domestiche con un reddito inferiore al 70% del reddito mediano appartengono quindi al ceto inferiore, mentre quelle con un reddito superiore al 150% rientrano nel ceto superiore.

A partire da un reddito netto di 37'100 CHF all'anno si appartiene al ceto medio svizzero. Ciò significa che circa il 34% delle economie domestiche appartiene al ceto inferiore. All'altro estremo della curva di distribuzione, le economie domestiche con un reddito netto di oltre 79'500 CHF appartengono al ceto superiore. Questo comprende circa il 28% delle economie domestiche. Il ceto medio è costituito dal restante 38% delle economie domestiche. Considerando gli sviluppi dal 2007, la soglia di reddito per il ceto medio è aumentata del 7,9%, similarmente ad altri parametri relativi al reddito.

Nel cantone di Zugo si appartiene al ceto medio a partire da un reddito di 47'460 CHF. Nel confronto cantonale, si tratta del limite inferiore più alto per il ceto medio. Anche nei cantoni di Basilea Campagna, Zurigo, Argovia, Svitto e Nidvaldo il limite inferiore è pari ad almeno 40'000 CHF. Ne consegue che a Zugo e Zurigo circa il 34% delle economie domestiche apparteneva al ceto inferiore, a Svitto e Basilea Campagna il 33%, a Nidvaldo e Argovia il 32%. All'altro estremo della curva di distribuzione, nel cantone di Zugo appartengono al ceto superiore le economie domestiche con un reddito disponibile di oltre 101'700 CHF, mentre a Nidvaldo tale valore deve attestarsi a 87'000 CHF o più. Il ceto superiore comprende quindi circa il 30% delle economie domestiche a Zugo, il 29% a Svitto, il 28% a Basilea Campagna e Zurigo, il 27% in Argovia e Nidvaldo. Il ceto medio comprende invece il 41% delle economie domestiche dei cantoni di Argovia e di Nidvaldo, il 39% nel cantone di Basilea Campagna, il 38% nei cantoni di Zurigo e Svitto e il 36% nel cantone di Zugo.

Osservando gli sviluppi dal 2007, la soglia di reddito del ceto medio è aumentata in tutti i cantoni tranne nel cantone di Ginevra (–5,3%) Obvaldo, Uri, Turgovia, Lucerna e Svitto hanno messo a segno i tassi di crescita più elevati.

La distribuzione del reddito è rimasta stabile nel corso del tempo

Il ceto medio rappresenta il 28,1% del reddito totale, 0,3 punti percentuali in più rispetto al 2007, mentre l'apporto del ceto inferiore e di quello superiore ha registrato rispettivamente una crescita di 0,4 punti percentuali e un calo di 0,7 punti percentuali.

Se si suddividono le economie domestiche svizzere in quattro gruppi di uguali dimensioni in base ai quartili anziché utilizzare la classica suddivisione in ceti inferiore, medio e superiore, per la Svizzera si ottiene il seguente grafico:

Stratificazione del reddito in Svizzera

Fonte: BAK Economics

La quota di partecipazione al reddito totale del 25% più povero delle economie domestiche (P0-P25) è pari al 3,5%. Il 25% più ricco (P75-P100) contribuisce per il 63% al reddito totale. La quota di partecipazione del 50% situato nel mezzo (P25-P75) ammonta al 33,5% del reddito totale.

Nel cantone di Uri, il 25% più povero delle economie domestiche (P0-P25) contribuisce in misura maggiore al reddito totale rispetto a quanto accade negli altri cantoni (6%). Nello stesso cantone, la quota di partecipazione del 50% situato nel mezzo (P25-P75) ammonta al 47,4% del reddito totale (anche in questo caso si tratta del valore più alto in un confronto cantonale). Di conseguenza, il 25% più ricco delle economie domestiche nel cantone di Uri (P75-P100) è quello che contribuisce al reddito totale in maniera minore (46,6%). Nei cantoni di Ginevra, Svitto e Zugo si trovano le quote di partecipazione più elevate delle fasce della popolazione con reddito medio-alto.

Aumento del tasso di rischio di povertà

Il tasso di rischio di povertà corrisponde alla percentuale della popolazione il cui reddito si situa al di sotto della soglia di povertà, pari al 60% del reddito mediano. Se tutti i redditi raddoppiano, il tasso di rischio di povertà rimane invariato. Si tratta di un parametro relativo che non misura la povertà assoluta.

Il tasso di rischio di povertà ha subìto un leggero aumento nel periodo d'esame. Tuttavia, ciò può essere legato al fatto che anche il numero di apprendisti e studenti (di età superiore ai 18 anni e quindi soggetti a tassazione) è aumentato nel periodo in esame.

Sviluppo della distribuzione – conclusione

La seguente tabella mostra alcune cifre chiave per la Svizzera e il loro sviluppo negli anni dal 2007 al 2018.

 

Panoramica delle cifre chiave

Svizzera 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 63'14964'77464'82565'28166'48765'49565'98367'08666'93267'92968'56769'283
Mediana 49'10050'10050'40050'50050'80050'80051'10051'40051'40052'40052'60053'000
Deviazione standard 110'158.00112'046.00108'232.00110'557.00110'200.00108'111.00109'968.00113'550.00113'723.00114'371.00117'896.00119'860.00
Coefficiente di variazione 1.7444153031.7297956051.6695964361.6935540441.6574670441.650662671.6666203921.6925978831.6990845121.6836856221.7194363531.730021526
Deviazione quartile 53'10054'30055'10055'90056'30056'70057'10057'70058'20059'20059'50059'900
Quota del quartile 0.3220.3220.3180.3130.3130.3090.3080.3060.3020.3030.3020.304
Coefficiente di Gini 0.4742683170.474050820.4730682970.4758287670.4825868010.4750037490.4768725930.4815998670.4816980660.4793368580.4819017950.481107175
Indice di Theil 000000000000
Argovia 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 64'50565'73366'00066'21966'81467'03167'11567'27867'53568'85169'03669'957
Mediana 54'00055'00055'40055'50055'90056'00056'30056'70056'70057'90058'00058'300
Deviazione standard 74'422.0073'409.0073'024.0072'656.0074'109.0074'545.0072'425.0072'028.0074'515.0075'385.0075'284.0076'166.00
Coefficiente di variazione 1.1537318941.1167719841.1064269681.0972102331.1091856581.1120900261.0791236931.0705999791.1033552681.0948983621.0905090651.088755351
Deviazione quartile 50'60051'20052'10052'80053'40053'70054'10054'50054'90056'40056'50056'800
Quota del quartile 0.3900.3940.3890.3850.3830.3820.3800.3790.3770.3740.3740.375
Coefficiente di Gini 0.403854460.4017292560.4028707150.4040736260.4045508210.4048260150.4046327170.4026114340.4057809710.4061838980.4068367180.410262495
Indice di Theil 000000000000
Appenzello Interno 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 63'11363'25964'91362'34663'78263'61964'24265'29568'62266'97270'69870'123
Mediana 48'10048'80048'80048'80049'20049'80050'20050'90051'10052'60053'00053'400
Deviazione standard 135'740.00127'522.00111'442.00115'179.00115'833.00102'638.00103'281.00103'267.00115'801.00108'376.00167'609.00124'093.00
Coefficiente di variazione 2.1507533732.0158789291.7167943261.8474192571.8160737881.6133241131.6076854641.5815391671.6875129041.6182217572.370772141.769651438
Deviazione quartile 48'50049'80050'80050'90051'70053'00053'40053'50054'40056'20056'30056'500
Quota del quartile 0.3520.3540.3490.3470.3410.3340.3360.3410.3390.3360.3410.345
Coefficiente di Gini 0.4673748910.4557472170.4695166050.4497200250.4563002880.4520778060.4541687970.4544499810.4733893280.4461041990.4664259250.455659539
Indice di Theil 000000000000
Appenzello Esterno 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 58'52360'64360'99061'76261'53361'48561'75661'99562'45363'11463'51264'414
Mediana 47'50048'30048'10048'20049'00049'00049'40049'60049'70050'30050'80051'400
Deviazione standard 89'514.00105'655.00100'913.00104'332.0093'672.0095'657.0097'068.0095'692.0097'922.00106'372.0095'405.0094'375.00
Coefficiente di variazione 1.5295513421.7422434821.6545965611.6892709861.5223104141.5557606041.5718017391.5435388951.5679281181.6854089371.5021576131.465144621
Deviazione quartile 48'70049'60050'00050'80051'30051'50051'40052'10052'40052'80053'00053'000
Quota del quartile 0.3460.3460.3410.3370.3380.3380.3410.3380.3350.3360.3380.343
Coefficiente di Gini 0.4409399930.4491256180.4564113320.4606126840.4497167770.4479793010.4486628470.4463899730.4512400630.4536683260.4499158860.447697103
Indice di Theil 000000000000
Berna 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 53'41954'51555'06055'41855'86256'08756'54757'13257'69858'95958'89159'664
Mediana 45'10046'10046'60046'70047'10047'40047'80048'10048'40049'50049'50050'000
Deviazione standard 67'135.0067'764.0067'619.0068'007.0068'954.0068'011.0067'545.0068'971.0069'693.0071'411.0072'511.0073'127.00
Coefficiente di variazione 1.2567566451.24304071.2280993511.2271657421.2343509561.2126026941.1944891971.207226851.2078839961.2112010991.2312720371.225636815
Deviazione quartile 49'20050'00050'70051'20051'60051'90052'30052'40053'00054'00053'70053'700
Quota del quartile 0.3080.3100.3090.3060.3060.3060.3060.3100.3080.3090.3110.315
Coefficiente di Gini 0.450426310.4481591880.4490925670.4510305520.4495235980.4488176410.4481427970.4473958020.4481184780.4485853610.4475512210.446744859
Indice di Theil 000000000000
Basilea Campagna 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 70'44171'56572'19772'66372'17472'24272'96874'02174'36175'23777'26776'004
Mediana 56'90057'80058'40058'40058'30058'40058'60059'00059'00059'40059'20059'500
Deviazione standard 107'088.00105'573.00107'436.00107'506.00103'551.00102'732.00108'085.00111'946.00116'413.00115'800.00139'141.00120'025.00
Coefficiente di variazione 1.5202573671.4752092331.4881084121.4795241571.4347299981.4220529381.4812738421.5123604031.5655122641.5391311861.8007766941.579200626
Deviazione quartile 55'70056'40057'70058'50059'10059'70060'20060'90061'70062'60063'30063'200
Quota del quartile 0.3660.3680.3630.3560.3520.3480.3460.3460.3400.3380.3320.334
Coefficiente di Gini 0.4377067390.4373918470.4379935260.4419018630.439894080.4410814340.4445022640.4476442640.4510090650.4537107940.4700821640.458920717
Indice di Theil 000000000000
Basilea Città 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 62'30664'03766'33167'00667'73468'04069'70670'80471'33272'14573'04373'918
Mediana 46'40047'00048'90049'10049'50049'60050'10050'20050'40050'60050'80051'100
Deviazione standard 122'753.00124'366.00115'590.00114'546.00124'922.00121'473.00127'979.00139'947.00143'639.00140'999.00146'844.00141'936.00
Coefficiente di variazione 1.9701787131.9420997341.7426302421.7095002921.844308481.7853208931.83598541.9765343382.0136802591.9543832452.0103788441.920175079
Deviazione quartile 54'10054'20054'50055'00055'10055'90056'80057'90058'70059'30060'60061'300
Quota del quartile 0.2790.2860.3070.3060.3060.3000.3000.2940.2890.2870.2810.281
Coefficiente di Gini 0.5068601970.5109852550.4946843980.4957534970.4983049930.4985573290.504418790.5103867050.5133351680.5165429120.5209500790.521792591
Indice di Theil 000000000000
Friburgo 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 58'23359'20859'78960'12561'57961'29161'94661'69862'61963'09063'35763'866
Mediana 48'60049'40049'60049'80050'10050'30050'40051'00051'00052'40052'70053'100
Deviazione standard 68'827.0068'297.0070'776.0071'426.0074'007.0071'439.0072'509.0072'844.0073'272.0074'318.0073'309.0074'850.00
Coefficiente di variazione 1.1819291721.1535102671.1837689471.1879474121.201815271.1655676331.1705172411.1806609161.1701272581.177967881.1570803731.171995009
Deviazione quartile 52'30052'90054'20055'20055'50056'00056'40057'00057'00058'50058'30058'300
Quota del quartile 0.3230.3270.3200.3130.3140.3110.3070.3080.3100.3080.3120.316
Coefficiente di Gini 0.4366566840.434125870.4387693410.4423418050.4512973430.4473293130.4548162520.4449034330.4500244260.4418077770.4389715790.437929302
Indice di Theil 000000000000
Ginevra 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 77'87979'38079'06179'45878'34977'05076'96983'87977'82576'57075'73675'732
Mediana 52'00052'60053'00053'00052'40051'70051'00050'70050'00049'60049'20049'400
Deviazione standard 199'642.00199'648.00200'029.00197'993.00198'819.00190'560.00204'726.00202'883.00199'898.00186'136.00188'081.00191'027.00
Coefficiente di variazione 2.5634805652.5150907212.5300521322.4917966462.5375997032.473193512.6598425312.4187529492.5685532472.4309176682.4833870192.52239268
Deviazione quartile 63'80065'50066'70067'50067'80069'40069'90070'70071'00071'80072'00072'000
Quota del quartile 0.2730.2660.2590.2550.2470.2280.2200.2110.2020.1910.1880.190
Coefficiente di Gini 0.552205980.5548957590.5531730060.5550536510.5578849320.562667370.5699164870.6095284820.5870375630.5863104460.5840991140.581324637
Indice di Theil 000000000000
Glarona 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 54'62956'30656'16956'98457'39457'15559'36858'79758'63759'35659'78060'676
Mediana 46'20047'90048'00047'70048'10048'40049'00049'30049'10050'10050'40051'000
Deviazione standard 59'383.0066'385.0059'187.0070'056.0069'678.0070'525.0074'739.0066'403.0067'542.0069'577.0070'501.0076'290.00
Coefficiente di variazione 1.0870173421.1790133631.0537152821.229402181.2140246031.2339259061.2589202451.1293683171.1518686391.1721921391.1793565581.257324116
Deviazione quartile 44'10045'00045'50045'80046'70046'80047'40048'30048'30049'50049'60050'300
Quota del quartile 0.3780.3830.3770.3730.3690.3680.3650.3630.3620.3590.3610.359
Coefficiente di Gini 0.4034311470.401392490.4005857110.414471090.4129435120.4085405770.4258482750.4158072770.4159611170.4118290250.4101708830.410513043
Indice di Theil 000000000000
Grigioni 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 53'29354'64054'79756'07856'28556'38557'12257'49857'75658'71759'18359'653
Mediana 43'30044'40044'50044'80045'30045'50046'00046'30046'40047'10047'50047'900
Deviazione standard 79'676.0079'660.0080'148.0088'270.0085'052.0085'831.0085'109.0082'970.0083'524.0088'273.0089'514.0091'011.00
Coefficiente di variazione 1.4950623671.4579086221.4626335361.5740717291.5111138861.5222326961.4899548151.4430061121.4461369681.5033777221.512489731.525667075
Deviazione quartile 53'20053'90054'50055'00054'70054'40054'30054'60054'50054'90055'10055'600
Quota del quartile 0.2530.2590.2520.2550.2640.2710.2760.2770.2790.2810.2830.283
Coefficiente di Gini 0.4739789960.4713393750.47417140.4800128640.4731396440.4686239660.4677081110.4671166840.4680165950.4680868090.4681560990.470265836
Indice di Theil 000000000000
Giura 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 50'40451'79051'82752'31952'51552'55652'51352'86753'13252'99553'14554'103
Mediana 43'10044'00044'30044'10044'40044'40044'30044'60044'50045'10045'00045'600
Deviazione standard 55'720.0055'888.0055'163.0057'511.0055'591.0055'535.0056'693.0059'090.0058'891.0058'675.0057'895.0060'155.00
Coefficiente di variazione 1.1054736981.0791197491.064367971.0992331071.0585706281.056693921.0796040111.1177056011.1083745541.1071805971.0893855531.111866139
Deviazione quartile 47'60048'40049'20049'60049'80050'30050'60051'30050'90051'50051'50052'300
Quota del quartile 0.3130.3140.3110.3080.3070.3010.2980.2930.2930.2900.2900.289
Coefficiente di Gini 0.4350726010.4370564520.4345399740.4405071140.4386861030.4426845610.4440876840.4469104410.4530691210.4483297170.4482737180.449406147
Indice di Theil 000000000000
Lucerna 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 58'79860'47061'09761'44862'29462'57464'01063'85164'50065'69967'11967'874
Mediana 48'40049'70050'00050'20050'70050'80051'50051'90052'10053'20053'50054'000
Deviazione standard 85'566.0082'897.0086'020.0087'451.0089'639.0087'390.0086'025.0085'516.0090'041.0094'079.00105'533.0095'839.00
Coefficiente di variazione 1.4552683561.3708731141.4079145591.4231610451.438955851.3965873041.3439292351.3393020411.395992471.4319574781.5723354671.412023463
Deviazione quartile 47'80049'10049'60050'30051'10051'50051'70052'00052'30053'30053'80054'000
Quota del quartile 0.3600.3620.3600.3570.3540.3520.3560.3590.3570.3580.3570.360
Coefficiente di Gini 0.4310475290.4284641740.431917250.4326571230.4351442160.4367004630.4380778670.4303793910.4340012370.4335312250.4422043560.441523194
Indice di Theil 000000000000
Neuchâtel 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 56'89657'81257'22856'81257'85257'98958'02658'34758'54058'20958'21458'559
Mediana 46'50047'10047'00046'30047'00047'10046'90046'70046'50046'80046'60047'000
Deviazione standard 76'050.0075'753.0071'019.0071'072.0072'973.0073'193.0076'008.0079'015.0081'524.0077'512.0081'786.0079'365.00
Coefficiente di variazione 1.3366537151.3103412251.2409713791.2510196621.2613754021.2621804631.3098836971.3542279081.3926180591.3316279951.4049190151.355299799
Deviazione quartile 52'30053'50054'10054'30054'80054'50054'90055'00055'10056'00056'20056'000
Quota del quartile 0.3090.3020.2960.2890.2940.2940.2880.2860.2810.2740.2670.273
Coefficiente di Gini 0.4541783330.4580019410.4571932550.4616470930.4586916860.4614888130.4665060640.4708611370.4777288440.475529850.4809038940.47641027
Indice di Theil 000000000000
Nidvaldo 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 78'03779'70378'73478'13781'45278'96882'77991'52080'51782'02083'80982'648
Mediana 53'60054'80054'70054'60055'30055'40055'70056'30056'20057'50057'70058'000
Deviazione standard 240'882.00248'852.00229'569.00208'235.00242'171.00226'111.00262'243.00247'405.00195'521.00222'177.00229'818.00210'794.00
Coefficiente di variazione 3.0867559653.1222413772.9157428192.6649910752.9731800282.8633360043.1679815832.7032973962.4283191632.7088318292.7421558972.550504874
Deviazione quartile 52'20054'00054'50054'60056'30056'20056'60056'70056'70057'40057'90057'800
Quota del quartile 0.3770.3740.3690.3680.3600.3640.3630.3690.3660.3660.3650.370
Coefficiente di Gini 0.5045554640.5048630830.5003772380.4981925790.5118846890.4945257010.5136018990.5534099940.4938954710.495682120.5059047340.493174285
Indice di Theil 000000000000
Obvaldo 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 58'25459'47860'23762'31862'56163'92871'95866'58995'19569'21372'09371'231
Mediana 45'70047'10047'70048'50049'20049'60049'90051'40051'90053'00053'40053'300
Deviazione standard 107'666.00110'217.00104'081.00131'685.00114'451.00128'412.00122'143.00119'641.00116'846.00119'662.00138'363.00153'585.00
Coefficiente di variazione 1.8482261451.8530699591.7278496852.1131253271.8294407482.0087049541.6974221591.7967078231.2274414121.7288895071.9192271752.156169169
Deviazione quartile 48'50049'40050'40051'30051'70052'30052'00052'40052'60053'80052'80054'000
Quota del quartile 0.3230.3270.3270.3300.3350.3330.3390.3510.3540.3490.3560.353
Coefficiente di Gini 0.4736734630.4659127890.4627529980.4699572920.4576947090.4652081130.5225859880.4581072630.6182898880.4673898520.48748520.475968808
Indice di Theil 000000000000
San Gallo 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 57'17558'67558'65258'86359'50459'38059'75860'26160'61161'74061'98862'867
Mediana 47'40048'30048'50048'70049'00049'10049'50049'90050'20051'10051'30051'900
Deviazione standard 78'657.0080'354.0078'574.0077'079.0076'711.0074'880.0076'446.0077'935.0080'769.0078'971.0081'624.0084'974.00
Coefficiente di variazione 1.3757062851.3694874541.3396589051.3094556471.2891699131.2610231651.2792468961.2932917291.3325748741.2790892851.3167666741.351650555
Deviazione quartile 47'10048'30048'30049'00049'60049'70049'70050'10050'30051'40051'80052'400
Quota del quartile 0.3570.3560.3580.3540.3520.3510.3550.3550.3550.3530.3510.351
Coefficiente di Gini 0.4292240440.428264230.4266554420.4257937370.4267063740.4251984950.4237678050.4232287410.4241761270.4254688620.4248427450.426306844
Indice di Theil 000000000000
Sciaffusa 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 58'76859'49259'41559'67259'86259'75060'63161'08861'27762'16062'72563'349
Mediana 48'60049'60049'80049'80050'00049'90050'30050'80050'90051'70052'10052'500
Deviazione standard 68'747.0073'231.0071'460.0075'245.0073'682.0073'897.0082'183.0081'073.0079'547.0077'703.0080'521.0077'166.00
Coefficiente di variazione 1.1698143461.2309397961.2027202071.2609785941.2308612731.2367655391.3554623121.327150721.2981529481.250052141.2837104441.218117919
Deviazione quartile 46'70047'80048'00048'30049'00049'60050'50050'80051'30052'10052'90053'300
Quota del quartile 0.3710.3710.3710.3680.3640.3580.3530.3550.3510.3510.3470.348
Coefficiente di Gini 0.4200904670.4130724370.4116766750.4151014390.4143131670.4207026060.4237623210.4221460520.4252372680.421810210.4249720570.423376143
Indice di Theil 000000000000
Soletta 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 57'43259'60560'23060'21260'83660'86560'96961'14461'28762'39563'07965'607
Mediana 48'80050'40050'90051'00051'30051'40051'60051'50051'60052'60052'80055'000
Deviazione standard 66'493.0070'203.0073'261.0070'350.0070'531.0071'190.0071'017.0072'077.0073'164.0074'496.0075'239.0077'882.00
Coefficiente di variazione 1.1577796961.1778144611.2163612671.1683851611.1593518921.1696348291.1648200051.1788044511.1938039231.1939350381.1927725451.187100853
Deviazione quartile 49'90051'40051'90052'60052'70052'80053'00053'20053'50054'70055'20054'300
Quota del quartile 0.3430.3460.3460.3410.3430.3430.3420.3410.3380.3350.3330.363
Coefficiente di Gini 0.4290508030.4276231530.4311548170.4290159340.4300968650.4282983540.4292357560.4298328460.4305108190.4315596220.435336620.414401084
Indice di Theil 000000000000
Svitto 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 89'38591'69694'73394'093102'87792'17792'739103'63492'19295'44096'68998'495
Mediana 52'20053'40054'00054'30054'70054'90055'20055'80055'80057'60057'70058'200
Deviazione standard 428'069.00379'582.00390'457.00366'387.00409'759.00357'176.00399'163.00490'836.00319'465.00342'125.00354'065.00396'691.00
Coefficiente di variazione 4.7890659694.1395811444.1216519783.8938640073.9830077233.8748852054.3041728074.7362301743.4652129283.5847007213.6618963054.02752462
Deviazione quartile 54'30056'70058'10059'10059'90060'60060'90061'70061'70064'00064'40064'900
Quota del quartile 0.3500.3440.3380.3360.3340.3300.3320.3320.3320.3280.3280.329
Coefficiente di Gini 0.583181620.5831359620.5937568550.5866962670.617558420.572123170.5713102220.6108952160.5642747280.5669003130.5701655150.573959589
Indice di Theil 000000000000
Turgovia 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 59'20260'93061'17861'22462'03162'33763'37963'54464'22165'33966'01466'715
Mediana 49'20050'30050'50050'50051'30051'50052'00052'50052'70054'10054'40054'900
Deviazione standard 74'521.0077'267.0073'550.0077'518.0078'134.0074'901.0079'645.0078'434.0084'206.0080'286.0083'254.0084'575.00
Coefficiente di variazione 1.2587632221.2681302121.2022314291.266150871.2595937191.201547911.2566468161.2343107331.3111791071.2287666631.2611505481.2677072
Deviazione quartile 48'80050'20050'50050'80051'60052'10052'30052'80053'20054'90055'40055'800
Quota del quartile 0.3620.3610.3600.3570.3570.3540.3560.3580.3540.3520.3510.352
Coefficiente di Gini 0.4201677140.4216409620.4231540260.4236515160.4220181410.4232383370.4274047320.4207870660.4271824360.4234648050.4250660540.425459117
Indice di Theil 000000000000
Ticino 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 58'27159'88359'33159'70359'61759'60159'72860'36560'50360'92361'30261'544
Mediana 44'50045'20044'60044'50044'40044'10043'90043'90043'80044'30044'50044'500
Deviazione standard 106'014.00110'630.00106'757.00110'700.00114'073.00112'366.00112'990.00117'704.00121'700.00121'066.00120'908.00123'146.00
Coefficiente di variazione 1.8193392571.8474304121.7993642861.8541741221.9134322841.8853004481.8917344391.9498795132.0114736131.987217171.9723379692.000938971
Deviazione quartile 49'80051'20052'00052'50053'20053'50053'90054'20054'60055'70056'00056'100
Quota del quartile 0.3060.3020.2910.2860.2790.2740.2690.2680.2630.2550.2550.254
Coefficiente di Gini 0.4830399160.4872000810.4925228660.4979415830.4998781380.5046069620.5110692380.5156311390.518628180.5210040210.5220036510.52441591
Indice di Theil 000000000000
Uri 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 52'50553'56354'49455'08255'48956'51657'18158'82158'91160'40961'93662'420
Mediana 46'80048'40048'60048'50049'10050'00050'40051'50051'30052'50053'20053'600
Deviazione standard 50'185.0049'289.0053'369.0058'682.0054'242.0052'374.0055'566.0057'732.0056'140.0059'183.0066'853.0069'202.00
Coefficiente di variazione 0.9558149270.9202006930.9793505221.0653594390.9775162170.9267106070.9717713720.9814828180.9529529190.9797088111.0793819891.108656847
Deviazione quartile 42'70043'20044'30044'70045'60045'90046'50046'80047'30047'60048'30049'100
Quota del quartile 0.3840.3910.3850.3810.3810.3840.3820.3880.3850.3910.3920.389
Coefficiente di Gini 0.3822774590.3739807310.3807125390.3887199760.3830586080.3839390870.3857152460.3879443710.3902443050.3899391290.3969459830.393230647
Indice di Theil 000000000000
Vaud 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 67'21569'12568'35669'42969'33569'57969'87570'08970'29171'20971'56571'618
Mediana 49'70050'50050'70050'70050'70050'50050'80051'00050'90051'70051'70051'700
Deviazione standard 111'966.00116'988.00112'467.00117'373.00115'273.00118'640.00119'069.00117'524.00119'389.00120'813.00117'942.00119'513.00
Coefficiente di variazione 1.6657846941.6924036551.6453239841.6905501921.6625511171.7051026621.7040194771.6767843471.6984890051.6966004961.6480462441.668742011
Deviazione quartile 59'10060'70061'30062'20062'60063'30063'50063'80064'00064'90065'20065'600
Quota del quartile 0.2900.2870.2820.2770.2740.2670.2670.2670.2640.2630.2600.259
Coefficiente di Gini 0.4942689840.4973008040.493958890.5011119250.5004999640.5062501430.5060586930.5057800410.5077720880.5090611580.5127234460.51208508
Indice di Theil 000000000000
Vallese 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 47'19448'10148'57048'44348'17648'10148'79348'50948'68550'44450'60351'349
Mediana 38'50039'00039'20039'00038'90038'80039'10039'40039'70041'20041'40042'000
Deviazione standard 70'226.0071'333.0070'564.0072'150.0068'820.0068'827.0069'198.0069'682.0069'439.0071'117.0071'210.0073'051.00
Coefficiente di variazione 1.4880283121.4829651781.4528318451.489399091.4285148931.4308823861.4181783781.4364961691.4262978241.4098037441.407246981.422643316
Deviazione quartile 58'60059'00059'90060'20060'20060'10059'90060'30060'30061'30061'00061'200
Quota del quartile 0.1190.1270.1260.1220.1220.1210.1260.1250.1270.1340.1380.144
Coefficiente di Gini 0.5179517270.5151820180.517550230.5195220710.5174912810.5198768380.523509920.5178042050.5158925650.5146635770.5122430920.511031091
Indice di Theil 000000000000
Zugo 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 98'819103'408101'897101'861133'548102'907101'080100'445102'960104'222107'298112'979
Mediana 60'20061'90062'50062'60063'20063'20063'40063'90064'30065'00066'10067'800
Deviazione standard 376'901.00423'251.00376'353.00392'198.00512'697.00371'170.00352'207.00321'374.00320'486.00350'964.00338'328.00398'563.00
Coefficiente di variazione 3.8140620464.093005443.6934567633.8503116293.839032073.6068481173.4844391733.1995162063.1127368453.3674661723.1531741623.527749165
Deviazione quartile 65'50067'60069'80070'60071'10072'70072'80073'70074'40076'10077'70079'500
Quota del quartile 0.3360.3350.3260.3240.3250.3150.3180.3170.3170.3140.3140.313
Coefficiente di Gini 0.5670039060.5735185150.5643218160.5629956130.6631367210.5645692940.5541690590.5476573110.5536972880.5538721080.558308840.569967151
Indice di Theil 000000000000
Zurigo 200720082009201020112012201320142015201620172018
Valore medio 71'35173'58772'74273'60775'65073'49773'81775'25875'06377'16078'68079'450
Mediana 53'40055'10055'30055'50055'70056'00056'20056'80056'30058'00058'50059'000
Deviazione standard 136'859.00137'358.00127'277.00134'910.00129'436.00127'230.00125'475.00132'685.00137'225.00135'293.00142'755.00149'423.00
Coefficiente di variazione 1.9181190141.8666149631.749708531.8328392781.710979151.7311069321.6998245241.7630606811.8281249331.7534160261.8143691311.880701974
Deviazione quartile 56'40058'00059'10060'00060'70061'20061'30062'70064'00064'30064'80065'400
Quota del quartile 0.3360.3390.3320.3280.3250.3230.3230.3200.3050.3190.3200.321
Coefficiente di Gini 0.4807632860.4780355390.4726901350.4771361950.4894464610.4721777740.4731596410.4769480230.4852012690.4779152870.48128140.480954051
Indice di Theil 000000000000

Nota: per poter valutare lo sviluppo degli scarti interquartile nel corso nel tempo è necessario correggere questo numero tenendo in considerazione l'aumento del reddito. Fonte: BAK Economics

La distribuzione del reddito in Svizzera e nei diversi cantoni è rimasta relativamente costante durante il periodo di osservazione. Neppure la crisi finanziaria ed economica globale del 2008 ha avuto un impatto marcato sullo sviluppo di questo dato. Secondo il coefficiente di Gini, i cantoni con la distribuzione più equilibrata dei redditi sono Uri, Argovia e Glarona. Una distribuzione disomogenea del reddito è evidente, invece, a Zugo, Svitto e Ginevra. Nel complesso, la distribuzione del reddito è rimasta stabile nel tempo.

5 Excursus: il patrimonio

Il numero dei milionari (patrimonio) aumenta in modo molto significativo

Tra il 2007 e il 2018, il numero dei milionari (patrimonio) ha fatto segnare un notevole aumento del 53%, superando le 330'000 unità (6,2% di tutte le economie domestiche svizzere). La quota più alta di questi milionari in rapporto alla popolazione si registra nel cantone di Zugo (13,4%), seguito da Svitto (13%), Nidvaldo (10,6%) e Zurigo (9%). Tale incremento non si spiega di per sé né con l'inflazione (che era praticamente nulla) né con la migrazione, ma è invece principalmente dovuto, oltre all'andamento positivo dei redditi, all'andamento dei prezzi dei titoli e degli immobili. Si nota anche il crollo del mercato azionario causato dalla crisi finanziaria del 2008. Da allora, tuttavia, il numero dei milionari (patrimonio) è in costante aumento.

Milionari (patrimonio)

Numero di persone
Fonte: AFC, Statistica della situazione finanziaria cantonale e nazionale delle persone fisiche.

Dal 2007, il patrimonio dei milionari è aumentato di oltre due terzi (+66%), fino ad arrivare a un totale di circa 1'372 mia. di CHF nel 2018. Paragonata all'aumento del numero di milionari, l'evoluzione del patrimonio è stata maggiore, facendo quindi crescere il patrimonio medio per milionario (+8,5%). Questo dato è in linea con l'aumento del reddito registrato nello stesso periodo e appare basso, ma potrebbe essere dovuto al fatto che il patrimonio relativamente alto dei «vecchi milionari», anch'esso in forte crescita, è stato diluito (cioè ridotto) dal patrimonio relativamente basso dei «nuovi milionari». Anche in questo caso la crisi finanziaria del 2008 è rilevabile nel grafico.

Patrimonio dei milionari

In Mio. CHF
Fonte: AFC, Statistica della situazione finanziaria cantonale e nazionale delle persone fisiche.

Globalmente, il volume patrimoniale di tutte le economie domestiche è cresciuto in modo significativo. In particolare, nel periodo di osservazione il patrimonio immobiliare è cresciuto di circa il 65%, raggiungendo 2'043 mia. di CHF (543'000 per economia domestica). Complessivamente, nel periodo in esame, il patrimonio privato dei cittadini svizzeri è aumentato di quasi il 46%, raggiungendo un totale di 4'596 mia. di CHF (circa 1,22 mio. per economia domestica). Si può notare come il crollo legato alla crisi finanziaria nel 2008 abbia influenzato i crediti finanziari (che, oltre ai depositi bancari e alle obbligazioni, comprende anche azioni, investimenti collettivi di capitale e crediti verso compagnie di assicurazione e fondi pensione), e quindi anche il totale. Questi valori patrimoniali sono al lordo. Se si detraessero gli impegni finanziari di 886 mia. di CHF, il patrimonio netto assoluto delle economie domestiche private nel 2018 ammonterebbe a 3'710 mia. di CHF.

Patrimonio delle economie domestiche private

In Mio. CHF
Fonte: Banca Nazionale Svizzera, patrimoni delle economie domestiche private.

Distribuzione del patrimonio – conclusione

In sintesi, si può dire che, a causa del significativo aumento complessivo dei valori immobiliari e borsistici nel periodo dal 2007 al 2018, in Svizzera il patrimonio è aumentato in misura nettamente maggiore rispetto al reddito o al PIL. Di conseguenza, anche il numero di milionari e il loro patrimonio sono aumentati in modo molto significativo.

 

Le domande importanti ai fini di una buona comprensione del testo

Qui sono disponibili maggiori informazioni nonché le definizioni più importanti.

Gli effetti dell’inflazione sulla distribuzione del reddito

Da oltre un decennio sia la Svizzera che molti altri paesi industrializzati non devono più fare i conti con forti rialzi dei prezzi. Nel 2021, però, abbiamo assistito a una ripresa dell’inflazione, con tutti gli interrogativi che ne derivano riguardo alle potenziali conseguenze, come ad esempio gli effetti sulla distribuzione del reddito.

Dove si situa il suo reddito in un confronto a livello svizzero?

Lo scopra qui!

Dove si situa il suo reddito in un confronto a livello svizzero?

Scopra in quale posizione si trova.