Accesskeys

Investimenti

Ecco perché gli investimenti sono un valido complemento per i risparmiatori

Gli svizzeri hanno un atteggiamento piuttosto diffidente nei confronti degli investimenti. Abbiamo chiesto al nostro consulente Andrea Maggini come reagisce a questo frequente scetticismo.

Gli investimenti non sono fatti per me, sono riservati solo ai ricchi.

È una frase che ho sentito spesso, ma quei tempi sono davvero finiti. Oggigiorno esistono tante possibilità per investire senza o con un esiguo capitale di partenza. Con il risparmio in fondi, il suo patrimonio viene costituito sul lungo periodo in maniera flessibile e graduale e a seconda delle sue esigenze. Con la nostra Soluzione dʼinvestimento beneficia già a partire da 1 CHF dei vantaggi di una gestione patrimoniale professionale. E con il Rispinvest Plus può combinare in modo ottimale risparmio e investimenti.

Come può vedere, non bisogna essere ricchi per gestire il proprio denaro in maniera intelligente.

Per saperne di più

Non seguo l'andamento delle borse e capisco ben poco di investimenti.

Non ce n'è bisogno! Perché proprio per questo motivo esistono specialisti che seguono tutto il giorno le borse e analizzano i dati economici per trarre le loro conclusioni e fornire raccomandazioni fondate. Le forniamo la necessaria consulenza e prima che decida di investire le illustriamo nel dettaglio opportunità e rischi.

A ogni cliente offriamo esattamente il sostegno di cui ha bisogno: dal pacchetto «a 360°», nell'ambito del quale definiamo gli obiettivi e le linee guida insieme al cliente, per poi dare agli specialisti in investimenti campo libero per qualsiasi decisione, all'offerta «do it yourself», che consente al cliente di gestire i propri investimenti in totale autonomia.

Nel mio lavoro di consulente in investimenti noto ogni giorno quanto siano diverse le esigenze delle persone e sono felice di poter offrire a ogni cliente il giusto livello di supporto.

Per saperne di più

Ho paura di perdere del denaro.

È un timore comprensibile. Ma la cosa importante è valutare questo rischio di perdita con razionalità. A tale proposito basta dare uno sguardo alla storia: le persone che dal 1926, all'inizio di un anno civile, hanno investito in azioni svizzere, senza venderne per i 10 anni successivi, non hanno mai perso del denaro (tranne durante la grande crisi economica-mondiale degli anni 1929–1931). In tutti gli altri decenni i guadagni hanno compensato di gran lunga le perdite.

Ma malgrado tutte le statistiche, una cosa è certa: chi investe del denaro può anche perderlo. E chi, pensando a uno scenario del genere, non dormirebbe affatto sogni tranquilli dovrebbe optare per il conto di risparmio. Tuttavia sono del parere che alla base di questa decisione debbano esserci informazioni ben note. È qui che subentra il mio ruolo di consulente: in occasione dei colloqui bisogna individuare insieme al cliente quale sia la soluzione più adatta a lui per permettergli di raggiungere al meglio i suoi obiettivi.

Per saperne di più