Accesskeys

È ora di parlare di soldi.

Cosa comporta per me il rialzo dei tassi di riferimento?

Dopo oltre un decennio caratterizzato da tassi di riferimento in costante calo, nell’arco di pochi mesi la Banca nazionale svizzera ha operato ben due aumenti. Quali sono le conseguenze di questo cambio di rotta per consumi, risparmio, investimenti, pilastro 3a, ipoteche e immobili? Rispondiamo alle domande più importanti.

Il 16 giugno 2022 la Banca nazionale svizzera (BNS) ha innalzato il tasso di riferimento dal –0,75% al –0,25%. Il ritocco successivo non si è fatto attendere a lungo: dal 22 settembre il tasso è allo 0,5%. Anche nell’Eurozona la situazione è cambiata negli ultimi mesi: a fine luglio la Banca centrale europea (BCE) ha portato il tasso di riferimento dallo 0 allo 0,5%, e a settembre si è avuto un ulteriore rialzo all’1,25%.

Gli ultimi interventi di questo tipo risalgono a un passato molto lontano – 11 anni fa per la BCE, addirittura 16 per la BNS – il che spinge tutti a parlare di «cambio di rotta storico».

I tassi di riferimento bassi o negativi erano un relitto della crisi finanziaria globale del 2008: all’epoca, per evitare un impatto ancora più violento sull’economia reale, si optò in tutto il mondo per un drastico taglio dei tassi. L’obiettivo venne di fatto raggiunto, ma questa misura finì anche per indurre una malsana dipendenza dal denaro a basso costo. Era scontato che i tassi di riferimento non avrebbero potuto rimanere così bassi in eterno; finora, però, le banche centrali avevano rinunciato ad adottare una politica restrittiva su questo fronte.

Tasso di riferimento

Il tasso di riferimento è il tasso d’interesse che le banche commerciali devono versare alla banca centrale per ottenere nuovi prestiti. Più è basso, maggiore è la quantità di denaro in circolazione, e viceversa. Esso rappresenta quindi il principale strumento di politica monetaria a disposizione delle banche centrali.

I motivi alla base dei rialzi del tasso di riferimento

All’origine dei giri di vite operati dalle banche centrali vi sono i tassi d’inflazione, spinti verso l'alto dalle ingenti masse monetarie presenti nel sistema economico. In Svizzera attualmente l’inflazione sfiora il 3,5%, nell’Eurozona e negli USA ha superato addirittura il 9%. Per dare un’idea: negli ultimi 30 anni, in Svizzera, l’inflazione ha oscillato tra lo 0 e il 2%, e talvolta è stata persino negativa; nell’Eurozona è tradizionalmente un po’ più alta, ma anche qui negli ultimi anni i periodi in cui ha superato il valore target del 2% sono stati sempre molto brevi.

Un simile rincaro è immediatamente avvertibile nel quotidiano. I picchi di aumento maggiori si registrano sui voli, i pernottamenti in hotel, le auto e il mobilio, ma sono diventati più cari anche determinati generi di prima necessità, come la pasta, il burro e le riviste. L’impatto generalizzato dell’inflazione su quasi tutte le categorie di prodotti è dovuto soprattutto al fatto che praticamente tutti i settori consumano energia e carburanti, ossia quei beni che hanno subito gli aumenti di prezzo più marcati.

Inflazione

Questa parola sta a indicare un aumento del livello dei prezzi. Tassi d’inflazione elevati determinano un calo del potere d’acquisto e una perdita di valore dei patrimoni accumulati. Ciò non significa, però, che sia opportuno avere un’inflazione pari allo 0%. Si considera ottimale un livello del 2%, ovvero la soglia che la banca centrale ha stabilito come obiettivo di lungo termine.

I tassi di riferimento più alti sono volti a contrastare l’inflazione; tuttavia, essi incidono anche su tutti gli altri ambiti dell’economia, magari con tempi ritardati. Le conseguenze non sono prevedibili con precisione, tanto più che la situazione può cambiare in qualsiasi momento a causa di possibili interazioni o dell’intervenire di nuove circostanze. Qui di seguito cercheremo comunque di illustrare gli effetti che un rialzo dei tassi di riferimento può esplicare in diversi ambiti. Al di là della lettura di questo articolo, consigliamo ai nostri clienti di vagliare la propria situazione personale e le concrete possibilità d’intervento con l’aiuto di uno specialista.

Come incidono i tassi di riferimento più elevati su...

... inflazione e salari

Di norma l’innalzamento dei tassi di riferimento consente di raggiungere l’obiettivo originario per cui viene attuato, ovvero frenare la corsa dell’inflazione. Anche questa volta la BNS è fiduciosa: benché il rincaro in Svizzera sia già al 3,4%, per l’intero 2022 si prevede «solo» un aumento del 2,8% e per il 2023 si auspica perfino che torni a scendere al di sotto del valore target del 2%. La stima della BNS trova sostanzialmente riscontro nelle previsioni formulate da altre banche ed organizzazioni, che oscillano per il 2022 fra il 2,3 e il 3,1% e per l’anno successivo tra lo 0,9 e il 2,2%i.

Fonte: Bloomberg

Dobbiamo presupporre che il rincaro ci darà filo da torcere ancora per un po’. Anche i prezzi dell’elettricità in futuro saranno più alti di quanto non lo siano ora: secondo la Commissione federale dell’energia elettrica (ElCom) ci sarà un aumento medio del 27%, con un costo aggiuntivo di 261 franchi per ciascun nucleo familiareii. Va inoltre considerato che gli aumenti tariffari variano considerevolmente da fornitore a fornitore. Nel 2023 si dovrà far fronte a costi più elevati anche per quanto riguarda i premi delle casse malati: santésuisse, l’associazione mantello degli assicuratori malattie, prevede aumenti pari mediamente al 10%.

È quindi consigliabile che quanti dispongono di un budget contenuto si astengano, per il momento, dall’effettuare spese non necessarie e adeguino il bilancio familiare alle nuove circostanze.

Ma c’è anche qualche elemento positivo: molti datori di lavoro cercano di compensare almeno parzialmente il rincaro – le unioni degli imprenditori mettono in conto aumenti salariali sopra la media, pari a circa il 2%. L’Unione sindacale svizzera, però, giudica questo passo insufficiente e chiede aumenti compresi tra il 4 e il 5%iii. Se il vostro datore di lavoro non vi propone autonomamente di aggiornare il salario, vi suggeriamo di intavolare voi stessi l’argomento.

... risparmio

Con tassi di riferimento in salita si assiste anche a un moderato aumento del tasso d’interesse creditore corrisposto sugli averi bancari. Risparmiare però non sarà dichiaratamente allettante nemmeno nel prossimo futuro, poiché l’inflazione eroderà i maggiori proventi derivanti dagli interessi. La situazione quindi, in quest’ambito, non cambia: se si tratta di accantonare riserve per i casi di emergenza o in vista di un acquisto, il risparmio è la via giusta da imboccare; chi invece mira a una crescita del patrimonio nel lungo termine non otterrà grandi soddisfazioni dal proprio conto bancario, neppure con tassi di riferimento più elevati.

... investimenti e pilastro 3a

Non è mai possibile prevedere con assoluta esattezza come evolveranno in futuro i mercati finanziari. Nella fase attuale, poi, è particolarmente difficile formulare ipotesi, soprattutto perché il tasso di riferimento è solo uno dei fattori che influenzano l’andamento dei corsi di borsa. A incidere notevolmente su questi ultimi intervengono infatti anche gli utili aziendali e i pattern di consumo della popolazione.

Come si rifletteranno quindi gli interventi delle banche centrali sugli investimenti in borsa e i depositi del pilastro 3a? Bisogna continuare a puntare tutto sulle azioni o è giunto il momento di ridurre la quota azionaria? In linea di principio, suggeriamo di aderire a una strategia di lungo termine che rispecchi la propria propensione al rischio e adotti un approccio d’investimento per quanto possibile diversificato, ossia studiato per contenere i rischi di cumulo integrando nel portafoglio svariati settori e branche d’attività.

Dunque, la raccomandazione di fondo quando si tratta di investire o provvedere alla copertura previdenziale rimane la stessa: con un orizzonte d’investimento lungo, di 10 o più anni, consigliamo di puntare ancora su una quota azionaria elevata. Infatti, anche se le quotazioni, nei prossimi mesi o perfino anni, dovessero presentare un andamento mediocre, le prospettive di rendimento a lungo termine sono comunque più favorevoli rispetto a quelle offerte da un eventuale conto a interesse fisso. Inoltre, le oscillazioni dei corsi vanno anche colte come opportunità per acquistare a prezzi più convenienti per poi, in ottica di lungo periodo, migliorare il rendimento quando i mercati azionari sperimenteranno una ripresa.

Se invece l’orizzonte d’investimento è breve – ad esempio si è prossimi alla pensione o si ha in programma di utilizzare presto il capitale per altri scopi – le cose stanno altrimenti. Poiché non si può escludere che le quotazioni subiscano altri contraccolpi, in questi casi è sensato adeguare il rischio a breve termine, ossia nello specifico l’esposizione azionaria.

Dal grafico seguente risulta chiaro che negli ultimi anni i depositi di previdenza hanno conseguito risultati nettamente migliori rispetto ai conti di previdenza con rimunerazione fissa. Estendendo l’orizzonte a un periodo di 10 anni, dal 2012 al 2022, il maggior rendimento dei depositi è stato pari al 35%.

... ipoteche e prezzi degli immobili

Un tasso di riferimento più elevato si traduce anche in interessi ipotecari maggiori. Ne abbiamo già conferma: mentre per anni l’interesse sulle ipoteche decennali si è aggirato attorno all’1%, ora siamo tra il 2,5 e il 3%iv. Ci saranno altri aumenti? Dipende essenzialmente dall’evoluzione dei tassi di riferimento. In una situazione così incerta, vale una semplice regola: chi, per scelta propria o perché costretto dalle circostanze, si trova a stipulare o rinnovare un’ipoteca dovrebbe davvero discuterne con un esperto. In linea di principio, si può scegliere tra le due alternative seguenti:

  • «Bloccare» con anticipo un’ipoteca a tasso fisso: chi non vuole correre rischi può assicurarsi il tasso attuale già con 12 mesi di anticipo sulla scadenza dell’ipoteca in corso. Le ipoteche a tasso fisso sono sì un po’ più care rispetto a quelle del mercato monetario, ovvero le ipoteche Saron, ma in cambio permettono di godere di un tasso fisso per i 10 anni successivi e quindi di non doversi più occupare del problema.
  • Scaglionamento delle scadenze: scaglionare nel tempo le ipoteche è già di per sé una scelta sensata, poiché così non ci si trova costretti a rinnovare completamente il finanziamento magari proprio in una fase in cui i tassi sono alti. Nel presente contesto dei tassi questo modo di procedere è quanto mai opportuno.

Di norma, un rincaro delle ipoteche ha come contraltare un calo dei prezzi degli immobili, ma finora non abbiamo assistito a questa evoluzione – i prezzi delle abitazioni, e in particolare quelli delle proprietà per piani (cfr. grafico), continuano a salire in Svizzerav. È difficile prevedere come si svilupperà la situazione, ma in linea di massima vale il principio per cui gli immobili in posizioni allettanti, con ogni probabilità, non perderanno valore nemmeno in futuro, mentre in zone meno ambite i prezzi potrebbero scendere in modo più evidente.

Per saperne di più sulle conseguenze dell’aumento dei tassi di riferimento in ambito immobiliare leggete qui.

Richiedere una consulenza

... pigioni

Un tasso di riferimento più alto non ha alcun impatto immediato sulle pigioni, poiché esse sono calcolate sulla base di un interesse che viene adeguato solo con diversi anni di ritardo. A medio e lungo termine, tuttavia, bisognerà mettere in conto costi accessori più elevati, perché i prezzi dell’energia saliranno anche in Svizzera. Certo, la situazione nel nostro paese non è paragonabile a quella della Germania, dove questi costi sono aumentati già ora di diverse centinaia di euro. Tuttavia, se il budget a disposizione è contenuto, è consigliabile tenere d’occhio questa voce di uscita o magari tentare di abbatterla adottando comportamenti volti al risparmio.

Purtroppo, a più lungo termine, è verosimile che l’innalzamento dei tassi di riferimento inasprisca ulteriormente la situazione sul mercato delle pigioni. Il timore è che si costruisca meno, esasperando ancor più l’eccesso di domanda. Pertanto lo scenario che si configura per i prossimi anni non è propriamente roseo, soprattutto nelle aree urbane.

In un modo o nell’altro, il rialzo dei tassi di riferimento è una questione che riguarda tutti. Non bisogna però dimenticare che ogni situazione è a sé e necessita di essere esaminata singolarmente. Considerato il fatto che non siamo di fronte a un fenomeno transitorio e che quindi dovremo fare a lungo i conti con gli effetti che esso comporta, è quanto mai opportuno adottare un’ottica individuale e su misura. Il panorama economico si sta modificando con una rapidità e un’intensità a cui non eravamo più abituati ed è altamente improbabile che ritorneremo alla situazione in cui ci trovavamo solo sei mesi fa.



i https://de.statista.com/statistik/daten/studie/290158/umfrage/prognosen-zur-entwicklung-der-inflationsrate-in-der-schweiz/
ii https://www.elcom.admin.ch/elcom/it/home/documentazione/medienmitteilungen.msg-id-90237.html
iii https://www.rsi.ch/news/svizzera/Salari-l%E2%80%99USS-chiede-aumenti-fra-il-4-e-il-5-15597256.html
iv VZ VermögensZentrum: https://www.vermoegenszentrum.ch/finanzrechner-und-vergleiche/aktuelle-hypothekarzinsen-im-vergleich
v Banca Raiffeisen, «Studio sugli immobili in Svizzera»: https://www.raiffeisen.ch/casa/it/mercato-e-prezzi/studi-immobiliari-in-svizzera.html